Quantcast

“No alla disobbedienza civile dei commercianti”: Confesercenti Cuneo si schiera dalla parte della legalità

Il direttore generale, Nadia Dal Bono: "Siamo contrari all'apertura dei locali oltre i limiti di orario imposti dai provvedimenti contro la pandemia"

“Anche in un momento così critico come quello che stiamo vivendo, Confesercenti Cuneo resta dalla parte della legalità. È necessario sostenere gli operatori economici, senza però mettere a rischio la salute pubblica”. Sono state queste le parole utilizzate dal direttore generale di Confesercenti Cuneo, Nadia Dal Bono, per commentare la riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, tenutasi in Prefettura.

“Come sempre, abbiamo trovato una grande disponibilità da parte del prefetto, Fabrizia Triolo, ad ascoltare le criticità degli esercenti, fortemente provati da questa emergenza sanitaria – aggiunge Dal Bono –. Nonostante ciò, Confesercenti tiene a sottolineare che, come è stato fatto presente al prefetto, noi non siamo per attuare la così detta ‘disobbedienza civile’ promossa a carattere nazionale e quindi anche nella nostra provincia, con l’apertura dei locali oltre i limiti di orario imposti dai provvedimenti contro la pandemia. Ogni azione deve essere mantenuta nell’ambito della legalità”.

“Ringraziamo ancora il prefetto Triolo – conclude il direttore generale di Confesercenti Cuneo – per aver dato la sua disponibilità, nei prossimi giorni, a incontrare una delegazione di operatori dei settori commerciali, per raccogliere difficoltà, preoccupazioni e disagi delle categorie in questo momento così delicato”.