Quantcast

Cartelli, pallini gialli e obbligo di mascherine: così le scuole di Mondovì si preparano ad accogliere gli studenti foto

Nel capoluogo monregalese la segnaletica a terra e la cartellonistica "guideranno" gli allievi in questo insolito ritorno in classe

Lunedì è ormai davvero dietro l’angolo: il primo anno scolastico post lockdown sta per scattare e, inutile negarlo, niente sarà come prima del Coronavirus. Numerose, infatti, sono le norme e misure di sicurezza che gli studenti, i docenti e il personale scolastico tutto dovranno osservare scrupolosamente per evitare di correre inutili rischi in materia di contagio.

Intanto, già da oggi, sabato 12 settembre, le scuole di Mondovì si sono attrezzate per fronteggiare al meglio la campanella d’esordio della nuova annata; sono infatti stati disegnati a terra dalla polizia municipale, direttamente sull’asfalto che precede il portone d’ingresso dei vari plessi e istituti, numerosi pallini gialli, al cui interno i bambini e i ragazzi dovranno attendere il permesso di entrare, rigorosamente distanziati.

Non manca, poi, la cartellonistica che ricorda l’obbligo di indossare la mascherina laddove non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza dalle altre persone e le principali regole alle quali attenersi rigidamente sia durante la permanenza all’interno dell’edificio che all’uscita.

Sono stati poi tracciati all’interno dei corridoi delle scuole i percorsi da seguire per raggiungere la propria classe in totale sicurezza e posizionati i dispenser di gel igienizzante per le mani.

Le mascherine, invece, come ha ricordato il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, nella conferenza stampa di ieri pomeriggio, saranno fornite direttamente dal Governo alle scuole, con quest’ultime che, a loro volta, le distribuiranno agli allievi, i quali dovranno comunque giungere da casa con indosso la mascherina data dalla famiglia, che sostituiranno prima di accedere all’interno della struttura.

Clicca qui per accedere alla photogallery completa.