Quantcast

Astra Cuneo presente al dibattito di Confetra sul futuro delle infrastrutture piemontesi

Il presidente Diego Pasero e il segretario Guido Rossi a Torino al convegno della confederazione dei trasporti e della logistica che ha messo in luce la necessità di un risorgimento delle infrastrutture e della logistica piemontesi per ripartire.

È stato messo in luce come la nostra regione e, di conseguenza la nostra provincia, abbia l’urgente necessità di ridefinire la propria posizione distintiva nel campo della logistica e dei trasporti, per non restare tagliata fuori dai grandi flussi dell’economia odierna”. Queste le parole di Diego Pasero, presidente di Astra Cuneo, a margine dell’assemblea annuale di Confetra Piemonte, tenutasi venerdì 26 novembre a Torino, a cui ha preso parte insieme al segretario di Astra Cuneo, Guido Rossi. Al convegno dal titolo “Obiettivo Piemonte: risorgimento 2.0. Logistica e infrastrutture per rinascere”, introdotto da Ivana Corroppoli, presidente di Confetra Piemonte, hanno preso parte Guido Nicolini, presidente di Confetra nazionale, Marco Gabusi, assessore regionale ai Trasporti, Infrastrutture e Opere pubbliche e Andrea Tronzano, assessore alle Attività produttive della Regione Piemonte.

“Durante l’assemblea è stato affrontato anche l’annoso tema del completamento dell’autostrada Asti-Cuneo, tratta di fondamentale importanza in questo contesto di ridefinizione e risorgimento delle infrastrutture della nostra regione, soprattutto per la provincia di Cuneo, ma non solo”, continua Pasero.

Dopo l’introduzione della presidente di Confetra Piemonte, che he messo in luce i problemi attuali della regione, a partire dalla recente riforma del Codice della Strada sui trasporti fuori sagoma e l’incremento dei pedaggi per utilizzare il Frejus, è stato dato spazio alle relazioni preliminari di Dario Aponte, consulente in mobilità, trasporti e logistica della task force infrastrutture Confetra e di Roberto Zucchetti, economista e docente della facoltà di Economia dei trasporti e infrastrutture dell’Università Bocconi di Milano.

Si è poi entrati nel vivo della tavola rotonda che ha messo in luce il bisogno di discutere, confrontarsi e interagire con le istituzioni per presentare idee e modelli integrati di sviluppo locale per il settore dei trasporti. Sono intervenuti tutti i vertici confederali espressione del territorio piemontese: Alessandro Albertini (Anama Fedespedi), Gabriele Di Marzio (Fedit), Umberto Ruggerone (Assologistica), Paolo Foietta (CIG Italia-Francia per la Torino-Lione) e l’onorevole Davide Gariglio (Commissione Trasporti).