Quantcast

Scoperto dalla Guardia di Finanza amministratore evasore totale nel Cebano

La tenenza di Ceva delle Fiamme Gialle cuneesi ha riscontrato pesanti irregolarità in un amministratore che dal 2016 ha nascosto al fisco più di centomila euro.

Prosegue l’azione della Guardia di Finanza della “Granda” nella prevenzione e repressione di tutti gli illeciti economico finanziari nel territorio provinciale, a tutela della legalità e a difesa dei cittadini onesti.

In questo caso, i finanzieri della Tenenza di Ceva hanno portato a termine una verifica fiscale in materia di contrasto all’economia sommersa, cioè a tutte quelle forme di illegalità che tendono a nascondere totalmente all’Erario i redditi conseguiti nell’esercizio di attività d’impresa e/o di lavoro professionale. L’attenzione dei militari cebani è stata infatti rivolta ad un soggetto che svolge l’attività di amministrazione e gestione di numerosi condomìni nella zona sud est della provincia.

Dall’attività di verifica è emerso che il medesimo, nel periodo compreso dal 2016 fino a tutto il 2020, ha tenuto la completa contabilità relativa ai bilanci dei condomìni che amministra, salvo “dimenticarsi” sistematicamente ogni adempimento dichiarativo in materia di Imposte Dirette ed I.V.A.

Nello specifico, il Reparto cebano, attraverso l’analisi della documentazione acquisita in fase di controllo e l’efficiente utilizzo delle risorse informatiche (banche dati) in uso al Corpo, ha constatato che il soggetto verificato ha operato come “Evasore Totale” per le citate annualità, nascondendo completamente al fisco ricavi per oltre 100 mila euro.

La verifica condotta rientra nelle linee d’azione che la Guardia di Finanza pone sul campo per contrastare l’evasione fiscale, con il fine di contribuire a una più equa ripartizione del prelievo impositivo tra i cittadini in rapporto alla capacità contributiva di ciascuno (“pagare tutti per pagare di meno”).