Quantcast

Alba, gli esercenti di Albaland donano un defibrillatore al Comune

Per rendere omaggio all’Amministrazione albese e ai suoi cittadini – dicono gli esercenti di Albaland - per la disponibilità e l’ospitalità durante i mesi di blocco imposti dai Dpcm, consentendoci di sostare con le nostre abitazioni durante tutto il periodo di fermo, e per la possibilità di svolgere il luna park nei periodi consentiti, abbiamo ritenuto doveroso compiere un’opera di bene, di cui potesse beneficiare l’intera comunità.

Gli esercenti degli spettacoli viaggianti di Albaland, sabato 23 ottobre, hanno donato un defibrillatore automatico al Comune di Alba, mettendolo a disposizione della comunità. L’importante strumento salvavita è stato collocato in piazza Medford, di fronte al palazzo Mostre e Congressi e a pochi passi da dove ogni anno si posiziona il luna park in occasione della Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba.

Il defibrillatore, dotato di un sistema Gps antifurto, è stato inaugurato alla presenza del vicesindaco e assessore Carlotta Boffa, dell’assessore Bruno Ferrero, del presidente del Consiglio comunale Domenico Boeri, del capo gabinetto Leonardo Prunotto, dei consiglieri Daniele Sobrero, Elena Alessandria, Mario Sandri e della presidente dell’Ente Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba.

Il consigliere comunale Daniele Sobrero che ha seguito l’iniziativa: “Ringrazio gli esercenti di Albaland per questo importante dono al Comune di Alba e alla nostra comunità. I defibrillatori sono strumenti fondamentali e, grazie alla generosità di tante persone e realtà, la nostra città oggi può contare su una buona dotazione dislocata in diverse posizioni strategiche a cui, ora, va ad aggiungersi quest’ultimo a pochi passi dalle giostre e dal palazzo Mostre e Congressi”.

Per rendere omaggio all’Amministrazione albese e ai suoi cittadini – dicono gli esercenti di Albaland – per la disponibilità e l’ospitalità durante i mesi di blocco imposti dai Dpcm, consentendoci di sostare con le nostre abitazioni durante tutto il periodo di fermo, e per la possibilità di svolgere il luna park nei periodi consentiti, abbiamo ritenuto doveroso compiere un’opera di bene, di cui potesse beneficiare l’intera comunità. Un defibrillatore automatico ci è sembrata l’idea più adatta. Così con la collaborazione di tutti i partecipanti di Albaland e con l’aiuto del consigliere Daniele Sobrero che ha fatto da intermediario, siamo riusciti a portare a termine questa iniziativa nel più breve tempo possibile. Ancora un grazie a tutta l’amministrazione del Comune di Alba”.