Quantcast

Sarà Alba con Langhe, Monferrato e Roero ad ospitare la “Global Conference on Wine Tourism” 2022

Ad annunciarlo il ministro del Turismo Massimo Garavaglia. Il più importante forum mondiale sul turismo enologico avrà così sede nella Granda.

 Saranno le Langhe, il Monferrato, il Roero e la Città di Alba, il territorio piemontese che ospiterà nel 2022 la «Global Conference on Wine Tourism», il più importante forum mondiale dedicato al turismo enologico. La World Tourism Organization, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa della promozione del turismo sostenibile e responsabile, ha scelto l’Italia per la sesta edizione del prestigioso evento internazionale.

A dare l’annuncio ufficiale è stato oggi, sabato 12 giugno, il ministro del Turismo Massimo Garavaglia che ha incontrato le istituzioni del territorio al Teatro Sociale. Ad accoglierlo sul palco il presidente della Regione Alberto Cirio, il sindaco di Alba Carlo Bo, il presidente dell’Atl Langhe Monferrato Roero Luigi Barbero e il presidente del consorzio Piemonte Land of Wine Matteo Ascheri, le quattro realtà che insieme hanno promosso la candidatura del Piemonte.

Il ministro Garavaglia, che ha dichiarato di non aver avuto alcun dubbio nel firmare la candidatura, ha parlato di una ripartenza che questa volta non dovrà più subire battute d’arresto e del grande investimento che occorre ora fare per la riqualificazione delle strutture ricettive, per la sostenibilità non solo ambientale ma anche nella distribuzione dei flussi turistici e per la rivoluzione digitale del turismo italiano. Intervistato dal giornalista Luca Ferrua, moderatore dell’incontro, il Governatore Cirio ha affermato che la priorità adesso è una sola: poter lavorare, poter accogliere i turisti e preparare i grandi eventi come la Global Conference on Wine Tourism.

Istituita nel 2016, la prima edizione del simposio internazionale si è tenuta a Kakheti in Georgia, nel 2017 a Mendoza in Argentina, nel 2018 a Chisinau in Moldavia, nel 2019 nella Valle De Colchagua in Cile. La quinta edizione si sarebbe dovuta tenere in Portogallo nel 2020, ma è stata posticipata al 2021 per la pandemia. All’evento ogni anno partecipano ministri del Turismo, Dmo (Destination Management Organisations), organizzazioni internazionali e intergovernative, tour operators, esperti di vini e giornalisti.

Il lavoro lungimirante fatto negli anni dai sindaci e dalle istituzioni di Langhe, Monferrato e Roero ha portato a prestigiosi riconoscimenti, uno su tutti l’essere stati dichiarati Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco per i nostri paesaggi vitivinicoli – dichiara il sindaco Carlo Bo -. Nel 2022 saranno ancora una volta protagonisti dell’offerta enoturistica che andremo a raccontare in occasione della Global Conference, una delle più importanti vetrine mondiali. Il comparto dell’enoturismo italiano vale 2,65 miliardi di euro e rappresenta una straordinaria ricchezza per il nostro territorio. Alba farà tutto il necessario per valorizzare questa opportunità storica”.

L’assessore al Turismo Emanuele Bolla: “Durante la pandemia abbiamo lavorato per poter assicurare una ripresa turistica non appena fosse stato possibile, in stretto contatto con la Regione, l’Atl, i Consorzi, il Ministero e l’Agenzia delle Nazioni Unite che organizza la Global Conference. Ringrazio chi ha lavorato per mesi a questo risultato con fatica e meticolosa dedizione e le istituzioni con cui collaboreremo per creare un ricco calendario di appuntamenti che ci accompagni alla Global Conference di settembre 2022”.