Quantcast

A Moretta apre un centro vaccini che servirà 6 comuni

Sarà lo spazio di Cascina San Giovanni ad ospitare la struttura sanitaria. Il vicesindaco Emanuela Busso: "fondamentale la collaborazione dell’Asl, con il dottor Gabriele Ghigo, degli altri Comuni coinvolti, dei cinque medici di base del territorio, della Croce Rossa, del personale comunale, della Protezione Civile e di tutti gli attori che hanno lavorato alla riuscita del centro vaccinale morettese"

Nella giornata di sabato 24 aprile apre il nuovo punto vaccini di Moretta. Come accaduto nel recente passato, sarà ancora una volta lo spazio di Cascina San Giovanni ad ospitare la struttura sanitaria.  Il Comune di Moretta farà da capofila dell’iniziativa, sostenuta con la collaborazione delle amministrazioni dei municipi vicini: Cardè, Casalgrasso, Faule, Polonghera e Torre San Giorgio.

«L’iniziativa, sostenuta da tutti i Comuni dei territorio, nasce per offrire un servizio che sia vicino ai cittadini – spiega Emanuela Bussi, vicesindaco di Moretta -. Stiamo vivendo un periodo cruciale nella lotta alla pandemia e per noi era fondamentale procedere con questa iniziativa. Abbiamo impegnato risorse ed energie. Il percorso è nato dal Comune di Moretta, ma è stata fondamentale la collaborazione dell’Asl, con il dottor Gabriele Ghigo, direttore del distretto sanitario saluzzese, degli altri Comuni coinvolti, dei cinque medici di base del territorio, della Croce Rossa, del personale comunale, della Protezione Civile e di tutti gli attori che hanno lavorato alla riuscita del centro vaccinale morettese».

Il nuovo “hub” sarà gestito dai medici di base, e sarà destinato ai cittadini dei comuni di Moretta, Casalgrasso, Polonghera, Faule, Cardè e Torre San Giorgio. «A livello logistico e burocratico – aggiunge il sindaco Gianni Gatti -, è stato un percorso lungo e non privo di ostacoli ma, grazie allo spirito collaborativo del territorio, sono felice del risultato che abbiamo raggiunto e che permetterà di offrire un contributo concreto importante ai nostri cittadini».

Il centro vaccinale, che verrà gestito dai medici di base con il supporto di personale infermieristico, aprirà sabato prossimo: sarà strutturato sul modello di quelli già aperti dall’Asl nelle zone rosse, con percorsi di ingresso e uscita definiti, aree di attesa delimitate, e percorsi vaccinali. Indicativamente il centro sarà aperto nelle giornate di sabato, sia al mattino che al pomeriggio, ma non è escluso che in futuro possa aprire anche un secondo giorno a settimana. Personale amministrativo, Croce Rossa e Protezione Civile saranno di supporto all’equipe vaccinale.

Al centro vaccini potranno presentarsi solamente i pazienti con prenotazione, la cui conferma di appuntamento verrà comunicata telefonicamente nei giorni precedenti la vaccinazione. La prima giornata sarà probabilmente dedicata alle vaccinazioni degli over 70.