Quantcast

Blocchi del traffico, Paolo Manera (FdI): “Lasciate vivere la gente! Un’altra spesa è insostenibile”

L'esponente di Fratelli d'Italia attacca: "Non si riescono a dare aiuti sostanziali per la pandemia e si pensa a caricare di spese ulteriori le famiglie italiane... Questo è un sopruso, come quello degli adempimenti telematici, dove lo Stato pretende, ma non fornisce soluzioni"

Paolo Manera (Fratelli d’Italia) si è espresso in queste ore sulla questione blocchi del traffico, non nascondendo la sua preoccupazione e il suo dissenso nei confronti della norma.

“Se la legge sui blocchi del traffico sarà applicata alla lettera, famiglie, commercianti e artigiani cammineranno a piedi – ha dichiarato –. In un periodo in cui le risorse economiche sono già intaccate da un momento storico negativo senza eguali, forse non era necessario fare cadere sulla testa dei cittadini un pensiero così devastante. Spero che i sindaci della regione Piemonte, messi di fronte all’applicazione della normativa sui blocchi del traffico, possano mettersi una mano sul cuore e intervenire a favore dei loro cittadini ed elettori.

“Faccio alcuni esempi – ha aggiunto Manera –: un imprenditore con patente B e proprietario di 4 mezzi da lavoro Euro 4 e una vettura di proprietà Euro 4 o 5, quindi macchine e auto non più vetuste, immatricolate nel 2015-2016, in caso di attivazione della zona arancione Arpa non potrà utilizzare i propri mezzi. Non solo: se residente in una cittadina con più di 10mila abitanti, per uscire di casa dovrà andare a piedi; se abita fuori da una cittadina con più di 10mila abitanti e deve recarsi in essa, quando arriva al confine comunale parcheggia e cammina”.

Un altro esempio è quello di una famiglia di dipendenti (magari in enti pubblici), con un figlio neopatentato, che possiede già due auto Euro 4 e ha appena comprato un’auto usata Euro 4 o 5 proprio per il proprio figlio e si trova senza la possibilità di circolare non appena venga applicata la limitazione al traffico della zona arancio.

Situazioni paradossali, da scongiurare al più presto, a giudizio di Paolo Manera: “Qui bisogna intervenire in qualche modo… O la Regione o lo Stato stesso ci mettono in condizione di acquistare con bonus reali – non bastano 3mila euro di rottamazione – nuove auto elettriche o Euro 6, oppure si lasci vivere la gente! Non si riescono a dare aiuti sostanziali per la pandemia e si caricano di spese ulteriori le famiglie italiane. Questo è un sopruso, come quello degli adempimenti telematici, dove lo Stato pretende, ma non fornisce soluzioni”.