Quantcast

La Ferrovia delle Meraviglie è il Luogo del Cuore FAI 2020!

Si è tenuta stamattina alle 11 in diretta da Roma la conferenza stampa di proclamazione del vincitore del concorso “Luoghi del Cuore Fai”. La Cuneo-Ventimiglia parte con i favori del pronostico dopo essersi classificata al primo posto nei voti online con più di 57 mila preferenze.

È ufficiale: la Ferrovia delle Meraviglie Cuneo-Ventimiglia-Nizza ha trionfato nella decima edizione del concorso I Luoghi del Cuore FAI (Fondo Ambiente Italiano). La tratta ferroviaria aveva già superato tutte le altre concorrenti nel conteggio dei voti online, ottenendo più di 57 mila preferenze. Con l’aggiunta dei voti cartacei raccolti nelle piazze italiane ha raggiunto la cifra di 75.586 voti.

Un trionfo immaginabile, in un anno dove la più parte dei voti è arrivata dal web, ma non meno entusiasmante per il bellissimo luogo che unisce la nostra provincia alla Liguria e alla Francia. Un’occasione unica per investire sulla Cuneo-Ventimiglia, facendola diventare una tappa turistica imperdibile per il territorio cuneese.

Un anno da record per il concorso Luoghi del Cuore FAI: più di due milioni di voti, più di trentanovemila siti partecipanti in 6 mila comuni diversi (l’82% dei comuni italiani ha partecipato con almeno un sito). Il vice presidente esecutivo del FAI Marco Magnifico ha espresso parole al miele per il sito vincitore: “Una delle più belle ferrovie del mondo! Un’opera straordinaria per storia e bellezza, con l’inizio dei lavori voluto da Cavour e i tedeschi che nella seconda guerra mondiale hanno fatto saltare molti ponti. È anche un bene europeo, perchè non solo collega Italia e Francia, ma è anche un’arteria fondamentale per le popolazioni della montagna. Ieri il governo francese ha stanziato più di trecento milioni di euro per sistemare la tratta francese”.

In seguito le dichiarazioni dell’ Avv. Giorgia Vallauri, presidente Comitato di votazione: “Eravamo alla ricerca di una nuova iniziativa per incentivare i nostri territori e la popolazione del cuneese ha deciso di candidare la ferrovia, cominciando anche a raccogliere i voti. La tempesta Alex ha colpito molto gravemente questi luoghi ma non è riuscito a fermare l’amore che il territorio ha per questa tratta. La linea non può diventare un ramo secco ma deve essere una risorsa turistica e paesaggistica. Urge anche rinnovare la collaborazione tra Italia e Francia e aumentare il numero di treni in viaggio su di essa”.