Controlli serrati fra Piemonte e Svizzera. Presidente Canton Ticino: “Preoccupati per la nostra popolazione”

Norma Gobbi ha dichiarato all'ANSA: "Facciamo un invito ai datori di lavoro nei confronti dei propri collaboratori frontalieri a rispettare il nostro territorio. Il fatto che possono entrare per lavoro non significa che possono rimanere qui a fare attività che a casa loro sono proibite"

Come riferisce l’agenzia ANSA, sono scattati da oggi, lunedì 9 novembre, alcuni controlli serrati al confine fra il Piemonte e la Svizzera.

In particolare, Norma Gobbi, presidente del Consiglio di Stato del Cantoni Ticino, vuole “verificare che coloro che vogliono entrare sul nostro territorio lo facciano effettivamente per un motivo di lavoro.

E ancora: “Facciamo un invito ai datori di lavoro nei confronti dei propri collaboratori frontalieri a rispettare il nostro territorio. Il fatto che possono entrare per lavoro non significa che possono rimanere qui a fare attività che a casa loro sono proibite. È un invito legittimo da parte del nostro territorio che chiede rispetto, ma anche una preoccupazione della nostra popolazione.