Tanti cuneesi alla mostra d’arte torinese “Paratissima” foto

Invitati Jagob (Diego di Tullio) e Debora Graizano, ma saranno presenti anche il saviglianese Marco Filippa, l'artista Donatella Ciravegna, la cavallerleonese Paola Callegari e l'albese Valerio Vacchetta

Venerdì 23 ottobre è stata inaugurata l’edizione 2020 di Paratissima, una sfida al Covid-19: Dopo 15 anni, Paratissima nel 2020 cambia e si rinnova ripensando il classico modello di fiera d’arte, per sperimentare un nuovo format espositivo per artisti indipendenti e gallerie d’arte più sostenibile e flessibile: anziché 5 giorni concentrati in una sola settimana, durante l’Art Week di Torino, Paratissima estenderà la sua durata su circa due mesi, dal 23 ottobre all’8 dicembre. Paratissima mantiene inalterata la sua identità e la sua mission di sostegno all’arte emergente.

Non cambia luogo, confermando la sede dell’ex Accademia Artiglieria di Torino in piazzetta Accademia Militare 3 (dietro piazza Castello), ma variano i tempi di fruizione dedicati alle sezioni che compongono l’intero evento: arti visive, gallerie d’arte e fotografia. 4 appuntamenti: il primo dal 23 ottobre al 1 novembre (Nice&Fair/Contemporary vision):, Il secondo (G@P/Galleries at Paratissima) dal 6 all’8 novembre. Il terzo (Rebirthing/Art to restArt) dal 13 al 22 novembre. L’ultimo (PH-OCUS/About photography) dal 27 novembre all’8 dicembre. La prima fermata “NICE & FAIR – Contemporary visions” affronta il tema della contemporaneità nelle 5 mostre collettive, che coinvolgono più di 80 artisti, curate dagli 11allievi del corso per curatori N.I.C.E. – New Independent Curatorial Experience. “C.R.A.C.. Due cuneesi invitati: Jagob (Diego di Tullio) con un’installazione incentrata su una riflessione sulla resilienza e Debora Graziano.

Nel terzo appuntamento nella sezione ICS, presentata dal saviglianese Marco Filippa, l’artista Donatella Ciravegna svelerà al pubblico di Paratissima il suo lavoro rimasto per anni sconosciuto. Un’opera che si potrebbe definire di fashion introspettivo, come la pittura fu per Frida Kahlo. Altri due cuneesi parteciperanno a questa edizione in questo appuntamento: Paola Callegari di Cavallerleone e Valerio Vacchetta di Alba