Mondovì, furto nel cimitero: rubata pietra decorativa da una tomba

Era stata dipinta il 4 ottobre 2019 dall'artista monregalese Carlà in memoria di una cara amica d'infanzia: "Vergogna, non c'è più rispetto!"

Purtroppo, notizie del genere sono all’ordine del giorno in tutt’Italia, malgrado si tratti di gesti inqualificabili e al limite dello squallore. Stiamo parlando dei furti nei cimiteri, da dove puntualmente vengono sottratti fiori, vasi, ricordi donati da parenti e amici in memoria dei loro defunti.

Una pratica diffusa e difficile da arginare, ieri arricchitasi di un nuovo episodio. A Mondovì, infatti, è stato scoperto il ladrocinio di una pietra decorativa, realizzata il 4 ottobre 2019 dall’artista monregalese Carlà in memoria di una cara amica d’infanzia e recante il suo nome sulla superficie.

Era stata posata lì, sulla sua tomba. Oggi non c’è più: “Ho fatto un sopralluogo nella mattinata odierna – spiega Carlà – e ho constatato con profonda amarezza che il ricordo che avevo decorato è stato sottratto. Ho parlato con il guardiano del cimitero, il quale mi ha risposto che spesso si verificano questi furti e non si può fare nulla”.

“Mi chiedo – prosegue – se esistano ancora i valori di un tempo e il rispetto per chi non c’è più. In questi luoghi si dovrebbe poter riposare in pace… Una sola parola: vergogna!”.