Coronavirus, Morozzo in doppia cifra: 10 casi attivi sul territorio comunale. Salta la Fiera del Cappone

Il sindaco, Mauro Fissore, nel ribadire la massima cautela, ha annunciato l'impossibilità di organizzare il tradizionale evento morozzese: "Potrebbe tuttavia essere effettuata una premiazione in una formula che dia soddisfazione agli allevatori", ha aggiunto

Esattamente come accaduto nelle scorse ore a Rifreddo, Comune del Saluzzese, anche Morozzo è in doppia cifra per quanto concerne i casi attivi di Coronavirus: dieci persone hanno infatti contratto l’infezione da Covid-19, ma, fortunatamente, le loro condizioni di salute non destano preoccupazioni e si trovano in quarantena presso le loro abitazioni.

Il sindaco, Mauro Fissore, ha fornito ulteriori comunicazioni circa le scuole e i cimiteri: “Per quanto riguarda la necessità di chiudere una classe delle elementari e una delle medie, essa è dovuta al fatto che alcuni ragazzini erano entrati in ambito familiare in contatto con soggetti poi risultati positivi. Inoltre, in occasione delle celebrazioni del 1° e del 2 novembre, l’accesso al cimitero è consentito, ma sono da evitare assolutamente gli assembramenti. A tal proposito, i volontari controlleranno che non vi siano violazioni delle disposizioni di legge”.

Anche la Fiera del Cappone, prevista il 13 dicembre, non potrà avere luogo, come previsto dal nuovo DPCM. “Potrebbe tuttavia essere organizzata comunque una premiazione in una formula che dia soddisfazione agli allevatori”, ha chiosato il primo cittadino, che ha ribadito alla popolazione di prestare la massima cautela, indossando la mascherina, osservando il distanziamento interpersonale, igienizzando spesso le mani e non frequentando i luoghi pubblici.