Busca, il Comune avvia la riqualificazione della Casa Alpina

Gestita dal Gruppo Ana, è uno dei poli di aggregazione della comunità buschese

Un contributo di venticinquemila euro elargito daI Comune servirà al Gruppo di Busca dell’Associazione Nazionale Alpini ad apportare  alcuni necessari lavori di miglioramento alla Casa Alpina, immobile di proprietà comunale, gestito dall’associazione locale.

La casa, circondata da un ampio parco, che si trova sulla collina in zona Madonna del Campanile, via Colonia, era stata la residenza di vacanza dei bambini dell’Orfanotrofio Infantile ed era poi passata all’Ana cittadina, che se ne cura da tanti anni, in economia e grazie al lavoro dei volontari, mettendola a disposizione anche dei buschesi per ritrovi conviviali in famiglia.

Ora servono diversi lavori per migliorare la sicurezza e l’accoglienza di questo bene comunale, ideale polo di aggregazione della comunità buschese, situato in un luogo molto bello e panoramico della collina.

“Ringraziamo gli amici Alpini – dice il sindaco Marco Gallo – che da tempo hanno a cuore la Casa Alpina e che negli anni hanno tinteggiato, rifatto recinzioni, pulito prati e boschi circostanti, senza però poter investire grandi risorse economiche per ammodernare la struttura”.

“Ora il Comune – spiega l’assessore al Volontariato Ezio Donadio – accoglie il progetto presentato dall’associazione ed elargisce questo contributo, che servirà al rifacimento dei bagni e al recupero di alcuni locali in disuso, in base ad una convenzione in atto che affida la gestione della Casa all’Ana fino al 31 dicembre 2027.  L’intenzione è continuare a seguirne da vicino la riqualificazione con interventi a lotti e nell’ambito delle possibilità di spesa comunali, mentre l’associazione si impegna per contribuire attivamente cercando a sua volta ulteriori finanziamenti”.