Aree Protette Alpi Marittime: mostre ed esposizioni per tutti i gusti

Tutte le mostre sono ad ingresso gratuito e contingentato per via della normativa anti-contagio: è indispensabile consultare le pagine dedicate per informazioni su orari ed eventuali prenotazioni.

In questa estate così diversa dalle altre, una certezza c’è: sono le mostre e le esposizioni organizzate dalle Aree Protette Alpi Marittime per far conoscere la storia, la bellezza e la trasformazione di una porzione di territorio così forte e nel contempo così delicata.

A Sant’Anna di Valdieri, nella sala mostre del Museo Civiltà della Segale è stata allestita la mostra I Savoia in Valle Gesso, con foto d’epoca e scritti curiosi e poco noti dei soggiorni dei Reali nella Valle, tratti dall’omonimo volume dello storico Walter Cesana, edito dall’associazione Primalpe.

Il Centro informazioni di Entracque ospita Il ritorno del lupo, esposizione fotografica con immagini in grande formato di uno dei predatori più chiacchierato di tutti i tempi.

In occasione del centenario della straordinaria operazione faunistica voluta da Vittorio Emanuele III che ha riportato sulle nostre montagne il mitico ungulato, lo stambecco, estinto a causa dell’attività venatori, le Aree Protette Alpi Marittime propongono le mostre Stambecco: 100 anni in Marittime e Lo stambecco alpino: conoscerlo per proteggerlo, allestite rispettivamente nel Centro informazioni del Parco a Terme di Valdieri e nella hall dell’Hotel Royal.

A Vernante, nei locali dell’Ufficio turistico e Centro visita delle Aree protette Alpi Marittime si può ammirare la mostra fotografica Sguardi sulle Alpi Marittime. Immagini ed emozioni dal regno della biodiversità, esposizione con fotografie e testi di 23 autori per celebrare il 40° anniversario del Parco Naturale Alpi Marittime.

A completare la proposta delle esposizioni temporanee si aggiungono ancora due mostre permanenti: una ad Entracque e una a Chiusa Pesio.
La prima, Ultimi ghiacci: Cambiamenti climatici nelle Alpi del Mediterraneo, allestita presso il Centro Enel Gree Power a Entracque, è una mostra realizzata grazie al progetto Alcotra CClimaTT e che contribuisce alla divulgazione dei gravi effetti dei cambiamenti climatici in aree sensibili come quelle di alta montagna.
La seconda a Chiusa Pesio, presso la sede territoriale dell’Ente, è la Mostra fotografica di Michele Pellegrino: un Museo fotografico che, attraverso 300 immagini in bianco e nero realizzate dal noto fotografo chiusano Michele Pellegrino, tratta il tema della montagna con un’analisi dell’ambiente, del paesaggio, dell’architettura e dei suoi abitanti.

Tutte le mostre sono ad ingresso gratuito e contingentato per via della normativa anti-contagio: è indispensabile consultare le pagine dedicate per informazioni su orari ed eventuali prenotazioni.
Una grande occasione per conoscere di più e meglio alcuni aspetti del nostro ente: una valida alternativa per i numerosi turisti che in queste settimane soggiornano sul nostro territorio.