Buoni spesa Coronvirus: dal 1 aprile domande al via a Bra

Previste tre fasce di erogazione.  Il modello di richiesta sul sito del Comune

Più informazioni su

Da oggi, mercoledì 1 aprile 2020, al via a Bra le richieste per l’erogazione dei “buoni spesa”, aiuto ai nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza COVID 19. L’Amministrazione comunale ha infatti definito, in attuazione all’ultimo decreto del Governo e all’ordinanza della Protezione civile del 29 marzo, criteri e modalità per l’assegnazione dei buoni, in relazione anche all’importo destinato alla città, pari a 157.223 euro.

I contributi saranno erogati secondo tre fasce:

  • 100 euro per i nuclei familiari composti da una persona
  • 200 euro per i nuclei composti da 2 a 3 persone
  • 300 euro per i nuclei familiari composti da più di 3 persone.                     

Possono accedere al beneficio i cittadini braidesi che si trovano in condizione di fragilità economica causata dall’emergenza Coronavirus e non già in carico ai Servizi socio-assitenziali. I buoni spesa verranno erogati sino ad  esaurimento del contributo assegnato al Comune di Bra dal Dipartimento della Protezione Civile.                        

La domanda di partecipazione, disponibile sul sito del Comune all’indirizzo www.comune.bra.cn.it dovrà essere compilata e sottoscritta in originale e inviata alla mail protocollo@comune.bra.cn.it insieme alla copia del documento di identità del richiedente (oppure con firma digitale), o inviata alla casella di posta elettronica certificata (PEC) comunebra@postecert.it.

Con particolare riferimento alla popolazione anziana, in caso di oggettiva impossibilità di invio in una delle modalità indicate, sarà realizzato un colloquio telefonico che attesti l’effettiva condizione di vulnerabilità del cittadino che temporaneamente si trova in mancanza o in limitazione di reddito economico che gli permetta di rispondere ai bisogni primari. In tal caso, l’istanza verrà fatta sottoscrivere al momento della consegna del buono spesa.

Al momento della domanda, il nucleo richiedente dovrà compilare un’autocertificazione che attesti le condizioni di vulnerabilità, su cui saranno condotte verifiche ex-post da parte dall’Amministrazione e in itinere a campione.

I soggetti già in carico ai Servizi socio assistenziali, non già beneficiari di reddito di cittadinanza e le cui condizioni economiche fossero peggiorate a causa dell’emergenza epidemiologica, verranno direttamente segnalati dai servizi sociali, senza dover inoltrare domanda.

Per maggiori informazioni contattare l’Ufficio comunale Servizi alla Persona al numero 0172.438124 o via mail scrivendo a servizi.persona@comune.bra.cn.it.

Più informazioni su