Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Un nuovo museo su geologia e paesaggio a Fossano foto

Progetto Interreg Alcotra "L'avventura geologica"

Più informazioni su

Sarà inaugurato a Fossano in tarda primavera-inizio estate, un museo sui temi della geologia e del paesaggio. L’allestimento museale è stato finanziato interamente dai fondi dell’Unione Europea attraverso il progetto di cooperazione transfrontaliera italo-francese INTERREG – ALCOTRA n. 1656 “L’@vventura geologica” http://www.interreg-alcotra.eu/it/decouvrir-alcotra/les-projets-finances/lvventura-geologica, il cui scopo è quello di valorizzare il patrimonio geologico e paesaggistico del territorio transfrontaliero italo-francese e di cui i partner italiani sono Unione del Fossanese e Casa di Studio Fondazione Federico Sacco (per il territorio del Fossanese), Comune di Cherasco e Comune di Frabosa Soprana.

L’Unione del Fossanese è destinataria dei fondi inerenti l’allestimento museale, mentre la Casa di Studio Fondazione Federico Sacco ha a disposizione il budget per la creazione di un software di catalogazione multimediale nel quale, in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino, saranno caricati i principali reperti fossili e mineralogici del territorio del basso Piemonte (il catalogo sarà consultabile all’interno del museo).

L’esposizione sarà incentrata prevalentemente sulla narrazione di Federico Sacco, famoso geologo e paleontologo fossanese (al quale è stato recentemente dedicato l’Istituto Comprensivo) e di Edouard Alfred Martel speleologo, geografo e cartografo francese: attraverso i loro racconti si andrà alla scoperta del patrimonio geologico e paesaggistico transfrontaliero.

Tutti i partner di progetto de “L’@vventura geologica” – sia di parte italiana che di parte francese (Dipartimento 04 – Alpes de Haute Provence) sono destinatari dei fondi per la creazione di un “cofanetto” didattico sui temi della geologia e del paesaggio – cofanetto di cui i principali fruitori saranno gli istituti scolastici del territorio e che rimarrà a disposizione delle scuole in un’apposita sala dedicata alla didattica all’interno del museo (potrà anche essere trasferito negli istituti su richiesta specifica della scuola). Il contenuto didattico del cofanetto, oltre a valorizzare i legami a livello transfrontaliero tra il patrimonio geologico e paesaggistico, sarà occasione di confronto sull’insegnamento di queste materie ad un pubblico giovane quale è quello degli studenti dai 6 ai 13 anni.

I locali del futuro Museo sono di proprietà della CRF , la quale ha messo a disposizione la vecchia tesoreria in Via Roma a Fossano ed una parte di budget per il recupero degli spazi a fini espositivi.
L’Università degli Studi di Torino e la Casa di Studio Fondazione Sacco metteranno a disposizione alcuni pezzi delle proprie collezioni (fossili e mineralogiche) per l’esposizione. E’ prevista anche la riproduzione tridimensionale di fossili e minerali all’interno del cofanetto didattico e la loro riproduzione olografica in alcuni punti del museo. Sarà dunque un vero e proprio museo all’avanguardia su questi temi.

Il Museo entrerà quindi a far parte della rete museale del territorio insieme a Museo F.A.R.O. sulla Torre del Castello di Fossano, Esposizione sui Longobardi “Lungo la Stura – Racconti di archeologia e paesaggio” – Ex- Cappella di Sant’Antonio a Sant’Albano (di cui è prevista l’inaugurazione il 7 marzo 2020), Area Archeologica di Bene Vagienna. (Tutti questi interventi sono stati finanziati all’Unione del Fossanese e al Comune di Fossano da fondi europei e cofinanziati da fondazioni bancarie, in modo particolare attraverso il Progetto INTERREG ALCOTRA n. 1681 “Trasmettere ricerca archeologica nelle Alpi del Sud” e Progetto “Raccontare un territorio : Paesaggio, archeologia e geologia come motore di sviluppo territoriale” – finanziato da Compagnia di San Paolo, CRT, CRF e Associazione Terre dei Savoia).

Si prevede di inserire il futuro museo nella reti già esistenti dei musei piemontesi. Per info contattare Unione del Fossanese – 017260550 – via Roma, 25 – Genola, info@unionedelfossanese.cn.it

Più informazioni su