Quantcast

Cuneo, per le api la bellezza è un polline giallo foto

Iniziative HAR continuano, in sede e al Collegio dei Geometri, Ober Bondi protagonista

Più informazioni su

Cuneo. Dal 1° al 29 febbraio nella Sala del Collegio dei Geometri, in Via San Giovanni Bosco 7/H a Cuneo, si potrà visitare l’esposizione «Per le api la bellezza è un polline giallo» con fotografie di Ober Bondi.
L’autore presenta una notevole serie di immagini, raccontando il primo ventennio del duemila che, per quanto riguarda il mondo della Fotografia, è iniziato con l’analogico e, anno dopo anno, ha vissuto la rivoluzione del digitale, con tutte le conseguenze che ne sono derivate.
Spiega: «La Fotografia segue regole consolidate di tecnica, di composizione, di stampa e anche nella modalità di allestimento delle esposizioni. Pur conoscendo tutto questo, ho voluto consapevolmente stravolgere tali regole e esporre una raccolta di immagini legate al mio pensiero sulla fotografia, alle mie emozioni provate durante la realizzazione delle stesse e derivate dall’esperienza dell’insegnamento che porto avanti da molti anni, con tanta passione.
La scelta delle fotografie da esporre ha avuto come fili conduttori la bellezza e l’emozione, quella di quando le ho scattate e quella che, anche a distanza di tempo, continuano a provocarmi quando le riguardo stampate o sul monitor del computer. Non tutte hanno un legame con progetti ben definiti; la quasi totalità è il risultato di scatti realizzati in analogico, cogliendo l’attimo di bressoniana memoria.  Le immagini digitali invece fanno parte di un periodo nuovo, molto diverso, e hanno la caratteristica di essere state pensate per molteplici progetti fotografici. Nascono dal desiderio di indagare il territorio di Confine con l’Arte, con la sperimentazione su materiali, colori e moderne tecniche di stampa».
In contemporanea all’inaugurazione della iniziativa verrà presentato il libro omonimo, realizzato con le fotografie di Ober Bondi e con testi scritti di Cesare Botto, Gabriele Chiesa, Enrico Perotto, Irene Botto e Giorgio Serazzi (nomi che tanto dicono, dal punto di vista artistico e fotografico, dei recenti anni cuneesi).
L’inaugurazione si terrà sabato 1° febbraio alle 17.30. Gli orari di apertura saranno  venerdì, sabato, domenica dalle 16 alle 19, ingresso libero.

Più informazioni su