Quantcast

Troppo caro il Macrino d’Alba per i musei piemontesi

All’asta da Christie’s il delizioso ritratto di Filippo II si Savoia, dipinto da uno dei più importanti pittori piemontesi del Rinascimento, ha raggiunto cifre troppo elevate per il Polo Reale, Torino musei e Museo Accorsi e quindi non troverà posto nelle collezioni del Piemonte

E’ un’opera dell’artista rinascimentale Macrino d’Alba, il delizioso ritratto di Filippo II di Savoia, detto il “Senza Terra”, che è andato all’asta a Londra da Christie’s. Purtroppo la concorrenza instauratasi tra il Polo Reale, Torino Musei e Museo Accorsi non ha consentito al prezioso dipinto di tornare in Piemonte in quanto l’asta condotta presso Christie’s è terminata, per i musei piemontesi interessati al quadro, quando il piccolo olio su tavola (33 per 33 centimetri), partito da 120mila euro, ha cominciato a salire vertiginosamente, ben oltre la stima di 240mila, raggiungendo addirittura le 460mila sterline.

Questo era un livello che nessuno dei contendenti torinesi avrebbe potuto permettersi e così si sono defilato uno dopo l’altro, sia Torino Musei, che lo avrebbe voluto per Palazzo Madama, sia il Polo Reale, che lo avrebbe destinato alla Galleria Sabauda e sia il Museo Accorsi, che proprio ieri festeggiava i vent’anni dalla fondazione. La casa d’aste riferisce che il dipinto proviene dalle collezioni di un membro di Casa Savoia, molto probabilmente Vittorio Emanuele, che un mese fa ha ceduto altri pezzi delle sue collezioni a Christie’s. Ignoto, invece, il nome del facoltoso compratore.

Per quanto riguarda l’autore del ritratto di Filippo II di Savoia, Macrino d’Alba, il suo vero nome era Gian Giacomo de Alladio ed è nato ad Alba nel 1460. E’ stato uno dei più importanti pittori piemontesi del Rinascimento, anche se sulla sua vita abbiamo poche notizie. Di certo c’è che dopo essersi formato ad Alba si recò a Roma, per studiare la cultura più aggiornata del tempo, dove lavorò con grandissimi artisti come il Pinturicchio, Sandro Botticelli, il Perugino e tanti altri.

 

Foto: autoritratto tratto da www.it.wikipedia.org