Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nel fine settimana Cadò, melodie per il Solstizio foto

Piccola ma prestigiosa rassegna di canto lirico con artisti di livello internazionale in programma il 13, 14 e 15 dicembre al Toselli di Cuneo e al Civico di Busca

“Cadò. Melodie per il Solstizio” è una piccola ma prestigiosa rassegna di canto lirico in programma al Teatro Toselli di Cuneo e al Teatro Civico di Busca il 13, 14 e 15 dicembre prossimi, nata dall’ispirazione di Nicola Berloffa, regista cuneese con una grande esperienza  e riconoscimenti nella regia di opere liriche, che ha voluto creare nella sua provincia d’origine un evento unico: tre artisti a livello internazionale, tre suggestivi concerti voce e pianoforte e due teatri.

Questa rassegna invernale – spiegano gli organizzatori, tra cui per il Comune Il Consigliere Paolo Comba – è capace, di scaldare il pubblico, ed è un’imperdibile possibilità di assistere alla performance di tre artisti, in un trittico di arie da camera. E’ un piccolo festival, che nasce con l’obiettivo di diffondere la cultura attraverso spettacoli di livello, a un prezzo contenuto e accessibile a tutti”.

L’evento è possibile grazie al contributo della Fondazione Crc e si  svolge  con il patrocinio delle Città di Cuneo e di Busca e con la collaborazione di Vivi Busca.

CadòMelodie per il Solstizio
Teatro Toselli – Cuneo e Teatro Civico – Busca
Ingresso posto unico:  10 euro
Prevendita biglietti in Promocuneo, corso Kennedy 5/f – Cuneo venerdì 6 e sabato 7 dicembre dalle 15 alle ore 18
Info: 339.1497545; 349.8829579

Venerdì 13 dicembre – Teatro Toselli, Cuneo
Ore 21

Nikolay Borchev, baritono
Alevtina Sagitullina, pianoforte
Wintwerreise di Schubert

Nikolay Borchev diplomato al Conservatorio di Berlino è uno dei più importanti
baritoni dell’area tedesca. Considerato dalla stampa l’erede di Fischer-Dieskau per la liederistica, a ventitré anni diventa il più giovane membro della troupe dell’Opera di Monaco, inizia una carriera che lo porta a lavorare nei più importanti teatri del mondo e sale da concerto (tra cui London’s Royal Opera House, Covent Garden, Deutsche Oper Berlin, State Opera Berlin, Hamburg State Opera, Opéra de Lyon, Carnegie Hall di New York); membro fisso dell’Opera di Vienna, è stato invitato più volte a cantare per cerimonie per capi di stato e regnanti. I prossimi impegni importanti includono Dido & Aeneas con Sasha Waltz alla Staatsoper di Berlino e a Shanghai, il debutto del ruolo di ‘Fritz’ in Die tote Stadt a La Monnaie di Bruxelles, il ritorno all’ Opéra de Lyon, alla Munich State Opera, e alla Semperoper di Dresda nel ruolo di ‘Olivier’ in Capriccio (Christian Thielemann).

Sabato 14 dicembre – Teatro Civico, Busca
Ore 21

Yun Jung Choi, soprano
Dario Tondelli, pianoforte
Musiche di Haendel, Mozart, Haydn, Strauss, Wolf-Ferrari, Delibes, Debussy

Yun Jung Choi soprano sudcoreana laureata alla Hanyang University, completa gli studi al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e all’Accademia Verdi-Toscanini. In seguito si è unita all’Atelier Lyrique dell’Opera di Parigi. Ha vinto il primo premio del 21 ° Concorso Internazionale Maria Caniglia Sulmona e nel 2006 il Prix Lyrique du Cercle Carpeaux dell’Opera di Parigi. Canta al Caen Theatre e all’Opéra de Rennes, al Gérard Philippe Theatre di Saint-Denis e al Théâtre de l’Almeida di Londra, all’Athenee Theatre, all’Opera de Rennes, all’Opera Nantes-Angers a Tokyo e Gobe, a Düsseldorf, al Lincoln Center a New York, alla Staatsoper di Hannover, all’Opéra National de Paris e in molti altri teatri francesi. Più recentemente, ha cantato all’Opéra Bastille sotto la direzione di Bruno Campanella, all’Opera Rara Festival di Cracovia, all’Opera di Parigi, al Teatro Real di Madrid, alla Korea National Opera di Seoul, al Teatro dell’Opera di Vichy. Tra i suoi progetti canterà Haendel e Telemann Cantatas Concert all’Hardelot Festival e il concerto di Händel Louées soient-elles all’Opéra de Rouen.

Domenica 15 dicembre – Teatro Civico, Busca
Ore 18
Ludivine Gombert, soprano
Aika Niwano, pianoforte
Musiche di Duparc, Satie, Chausson, Massenet, Bizet, Faurè, Debussy, Gounod, Boulanger.

Ludivine Gombert vince il “Prix Jeune Espoir” al Concorso Internazionale di Marmande nel 2005. Si esibisce poi come soprano nei più importanti teatri di Francia: Opéra de Reims, Chorégies of Orange, Opéra de Massy, Opéra di Marsiglia, Opéra de Massy, Opéra di Avignone, Opera di Rouen. Nel 2019 canta con successo il suo primo Liù nella Turandot di Puccini all’Opéra de Marsiglia e Micaëla in Carmen all’Opéra de Saint-Etienne per la regia di Nicola Berloffa. Tra i suoi progetti, l’Alta Sacerdotessa di Jean-Baptiste Lemoyne a Phèdre e al Mupa di Budapest sotto la direzione di Vashegyi Gyorgy, l’isola dei sogni di Reynaldo Hahn al Prinzregententheater di Monaco, Daphnee in Psiche d’Ambroise Thomas al teatro degli Champs-Elysées, Carmen al Grand Avignon Opera, Clermont-Ferrand, Reims, Tatiana in Eugene Oneguine all’Opéra de Massy. All’estero ha tenuto recital nelle città di Wolfsburg in Germania,a Londra e a Liverpool, nel Sultanato dell’Oman all’Opera di Muscat, a Venezia, Mosca, San Pietroburgo e Beiruth.

Nicola Berloffa nato a Cuneo studia al Dams di Torino, si diploma alla Scuola di
Teatro Paolo Grassi con il massimo dei voti, seguito da Luca Ronconi e Massimo
Castri. Successivamente lavora come assistente per Luca Ronconi fino alla morte del regista seguendolo nei più importanti teatri europei, al Teatro alla Scala di Milano, al Teatro Real di Madrid, all’Opéra di Parigi. Nel 2008 vince un concorso del ministero della cultura francese per la messa in scena del Viaggio a Reims di Rossini, la produzione gira in tournée per due anni in sedici teatri francesi. Dal 2008 a ora firma la regia per ventisei produzioni operistiche, riprese più di sessanta volte. Nel 2017 la critica francese designa la produzione di Carmen di Bizet di Beroffa miglior produzione dell’anno a livello europeo. Tra i prossimi progetti la messa in scena di allestimenti alla Korea National Opera di Seoul, al Teatro Colón di Buenos Aires e al Teatro alla Scala di Milano.