Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Torna Astrofili in piazza il 19 luglio ad Alba e il 20 luglio a Bra foto

Torna l’esplorazione dello spazio per tutti!

Dopo il successo riscosso il 5 luglio al Parco Europa di Mondovì, torna l’appuntamento con “Astrofili in piazza”, l’evento ‘spaziale’ targato Marco Berry Onlus Magic for Children e Celestia Taurinorum, con il contributo della Fondazione CRC. Organizzato all’insegna della divulgazione scientifica e della solidarietà, ha entusiasmato nella sua prima tappa oltre 500 persone tra grandi e piccini, e ora si prepara a chiudere con un weekend letteralmente stellare e sempre gratuito, che animerà le città di Alba e Bra il 19 e 20 luglio.

Cambierà dunque il punto di osservazione, ma non gli elementi che hanno reso unico il format: un team di circa quindici astrofili con almeno sei dei loro telescopi, un presentatore d’eccezione e un’infinità di stelle da ammirare, per due notti dedicate all’esplorazione del cielo e delle sue meraviglie, in occasione del 50° anniversario dello straordinario Moon Landing, avvenuto proprio il 20 luglio 1969.

La manifestazione verrà allestita anche questa volta in un’area totalmente riservata, così da proporre al pubblico la migliore visibilità possibile sugli astri: dopo un primo momento didattico e divulgativo, attraverso pannelli tecnici e pillole di astronomia, grandi e piccini avranno modo di guardare da vicino alcuni pianeti del sistema solare e le luci naturali che avvolgono le città. Come? Basterà avvicinare lo sguardo ai telescopi astronomici messi a diposizione dall’associazione Celestia Taurinorum, con specchi di diametro da 20 a 30 cm, dotati di tutta la strumentazione necessaria. A ogni partecipante saranno destinati circa 15 minuti di osservazione durante i quali potrà ammirare Giove, Saturno e, se le condizioni atmosferiche lo consentiranno, persino qualche oggetto Messier, come nebulose e ammassi stellari, imparando così a orientarsi tra gli oggetti celesti che circondano la nostra Terra.

E tra anelli, satelliti e giganti gassosi non mancherà l’intrattenimento di Marco Berry che, con la sua inimitabile ironia e un pizzico di magia, rallegrerà il pubblico con diverse curiosità sull’Universo e sulla ricerca spaziale. «Abbiamo pensato di dar vita ad eventi legati allo spazio perché da lassù la Terra appare senza barriere né confini, così come vorremmo fosse il mondo per i bambini che seguiamo con la nostra Onlus. Per questo ci impegniamo in progetti inclusivi e originali, che puntino i riflettori su queste tematiche e coinvolgano attivamente il pubblico attraverso il divertimento e lo stupore. Mondovì ci ha dimostrato che questa iniziativa può emozionare davvero tutti: ha entusiasmato i bambini che hanno scoperto e visto con i loro occhi pianeti lontani, ma soprattutto ha meravigliato gli adulti che si sono trasformati per una sera in ragazzini entusiasti – sottolinea Marco Berry – e quindi spero davvero che anche le prossime tappe possano portare un pizzico di gioia e stupore a tutti!». Il successo della manifestazione contribuirà inoltre alla promozione dei progetti della Marco Berry Onlus, aggiungendo così al valore divulgativo di “Astrofili in piazza” anche un forte risvolto solidale.

A far da guida in tutto il percorso saranno nuovamente gli astrofili, operatori appassionati ed esperti, pronti inoltre a rispondere a tutte le domande sul cosmo, anche le più insolite. «Abbiamo vissuto un’esperienza notevole a Mondovì nella prima di queste serate con Marco e il pubblico: ovvero quella di essere stati tutti partecipi in qualcosa di più emozionante della “sola osservazione” delle bande gassose di Giove, degli anelli di polvere e rocce cosmiche di Saturno o dell’impressionante agglomerato di 300.000 stelle dell’ammasso M13 – afferma Alberto Ombres, socio onorario di Celestia Taurinorum – siamo certi di aver trasmesso la meraviglia di sentirsi parte di uno stesso insieme naturale e ci auguriamo di poterla riproporre sia ad Alba che a Bra»

Il viaggio proseguirà quindi il 19 luglio, ad Alba, nel Parco Böblingen (Centro Giovani H-Zone – piazzale Beausoleil). Il gruppo di astrofili, accompagnato come sempre da Marco Berry, invaderà il punto di riferimento culturale, musicale e per il tempo libero dei giovani di Alba e dintorni, per insegnare al pubblico a orientarsi tra astri e costellazioni.

Infine, l’ultima occasione estiva per scrutare l’Universo insieme all’associazione Celestia Taurinorum sarà proprio il 20 luglio a Bra, sull’Ala di corso Garibaldi. Dall’area pedonale di corso Cottolengo, che si estende sopra lo storico porticato che collega piazza Caduti per la Libertà e piazza XX Settembre, sarà possibile ammirare il cielo circondati da significativi edifici storici. E ispirati dalle imprese degli astronauti che cinquant’anni fa calpestarono per primi il suolo lunare, si vivrà una lunga notte di mezza estate alla scoperta dello spazio e dei suoi segreti.

«La prima tappa di Mondovì ha visto una partecipazione davvero amplissima ed entusiasta da parte del pubblico. Ora, con gli appuntamenti a Bra e Alba, continua questo viaggio nella nostra provincia per celebrare il 50° anniversario dello sbarco sulla Luna» aggiunge Giandomenico Genta, presidente della Fondazione CRC. «Con questi eventi, che si affiancano alla mostra “Destinazione Luna. Il futuro è adesso”, aperta a Cuneo fino a dicembre, vogliamo avvicinare all’astronomia una platea sempre più ampia e coinvolgere il pubblico nella riflessione su temi di grande attualità per il futuro del nostro pianeta».

Tutto pronto, dunque, per le tappe conclusive di “Astrofili in piazza”, due appuntamenti da non perdere sia per chi da sempre cammina col naso all’insù, sia per chi non ha mai avuto l’occasione di provare un’esperienza stellare. Due notti al chiaro di luna per espandere le proprie conoscenze sull’Universo e, allo stesso tempo, contribuire a donare un sorriso a chi più ne ha bisogno.

-In caso di maltempo l’evento sarà rinviato a data da destinarsi-