Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Passo avanti per tangenziale est di Saluzzo: firmato in Regione accordo di programma

Sottoscritto a Torino, determina tempi, modalità, aspetti finanziari ed ogni altro adempimento connesso all’opera

Saluzzo.   Passo avanti per la tangenziale est all’abitato di Saluzzo. La Provincia ha siglato mercoledì 17 aprile in Regione a Torino l’accordo di programma con Regione Piemonte e Comune per la progettazione del completamento dell’infrastruttura con lo scopo di renderla cantierabile in attesa del perfezionamento del finanziamento per la sua effettiva realizzazione. Alla firma ha partecipato il dirigente del Settore Viabilità della Provincia, Riccardo Enrici come ente che si occuperà della progettazione, oltre ai tecnici della Regione e del Comune.

Come si ricorderà, nell’ambito delle opere infrastrutturali connesse ai Giochi Olimpici Invernali Torino 2006, è stata realizzata la tangenziale Est di Saluzzo (lotto 1) che si collega a monte dell’abitato con la provinciale 161 Saluzzo-Cuneo ed a valle con la ex statale 589 in direzione Pinerolo. L’opera, concepita come “variante alla statale 589”, prevede anche un secondo lotto non realizzato per mancanza di risorse che consiste nella bretella di raccordo, a sud dell’abitato, dalla rotatoria sulla sp 161 per Villafalletto con la statale dei laghi di Avigliana, all’altezza degli stabilimenti Supertino della sp 589, a completamento della tangenziale est di Saluzzo.

Alla mancanza di quel completamento sono legati oggi grossi problemi di viabilità, soprattutto perché tutto il traffico pesante proveniente da Verzuolo, dove sono insediate diverse attività produttive, è convogliato nell’abitato di Saluzzo, all’altezza della stazione della Polizia Stradale per poi imboccare, in direzione opposta, il raccordo della tangenziale est attraverso via Lagnasco. Ci sono problematiche ambientali ed acustiche, rallentamenti del traffico con formazione di code nelle diverse direzioni, ma soprattutto la carenza infrastrutturale è di ostacolo alla competitività del sistema produttivo della zona, che ha manifestato l’esigenza di realizzare in corrispondenza dell’ex scalo merci della Stazione ferroviaria, un polo logistico necessario a soddisfare i previsti parametri europei relativi alla movimentazione di merci su rotaia. Gli incontri preliminari finalizzati alla realizzazione del polo si erano già svolti l’anno scorso con il coinvolgimento di Rfi (per la soppressione di alcuni passaggi a livello e del Gruppo Burgo, interessato al trasferimento attraverso la piattaforma, da gomma a rotaia, delle merci prodotte.

L’accordo di programma sottoscritto a Torino determina tempi, modalità, aspetti finanziari ed ogni altro adempimento connesso all’opera e,in particolare, prevede la predisposizione ed il completamento degli elaborati relativi al progetto di fattibilità tecnica-economica, la progettazione definitiva e quella esecutiva che saranno eseguiti dalla Provincia, per un importo complessivo di 120.000 euro a carico del Comune di Saluzzo. Al Comune spetterà anche il compito di attualizzare il Piano regolatore, svolgere la procedura di Vas e supportare la Provincia nella determinazione degli indennizzi e danni nell’ambito della procedura espropriativa. La Regione Piemonte avrà il compito di individuare il Rap (responsabile dell’attuazione dell’accordo di programma) e funzioni di ente coordinatore.