Quantcast

A Sant’Anna di Valdieri “Appuntamenti sotto l’Asta”

Gli ultimi due incontri

Sant’Anna di Valdieri. Sabato 15 dicembre Irene Borgna racconterà la storia di Louis Oreiller, montanaro della Val di Rhêmes (Aosta) protagonista del libro “Il pastore di stambecchi” (Ponte alle Grazie). Essendo impensabile “schiodare” Louis dalle sue montagne, la brillante autrice parlerà di quest’uomo speciale che ha fatto, fin dall’infanzia, tutti mestieri possibili in alta montagna: contrabbandiere, boscaiolo, bracconiere, pastore, guardiaparco e guardiacaccia… una vita rocambolesca attraverso luoghi, avventure e valichi nascosti.

Al termine della serata le gestrici de La Casaregina che, alle 17, ospita l’incontro, offrirà ai partecipanti un vin brulé. Informazioni: tel. 333 3600575.

Quello di sabato 15 è il penultimo appuntamento della mini rassegna culturale “Appuntamenti sotto l’Asta – Libri, storie e sapori a Sant’Anna di Valdieri” promossa dalle imprenditrici turistiche della frazione: Cinzia Chiambretto della Locanda Balma Meris, Cinzia Damiano del Negozio I Bateur, Michela e Marcella Formento dell’Hostaria La Casa Regina, in collaborazione con l’Ecomuseo della Segale.

Chiuderà il ciclo di incontri, sabato 22 dicembre, l’appuntamento con Gerardo Unia che presenterà la storia particolarmente avvincente raccontata nel libro Il Prefetto dei ghiacci – Storia di un esploratore polare diventato Prefetto di Cuneo (Nero su Bianco editore). Novanta anni fa l’aeronave Italia al comando del generale Umberto Nobile si schiantò sul pack a nord delle isole Svalbard, dopo aver sorvolato la sommità del mondo. Disperazione, stratagemmi per farsi soccorrere, la lotta contro il freddo, tentativi di salvataggio dei superstiti sono protagonisti delle emozionanti pagine che ricordano la tragica vicenda. Tra i superstiti dell’incidente l’ufficiale di Marina Adalberto Mariano che mutilato dai congelamenti alcuni anni dopo fu nominato Prefetto a Cuneo.

Da vedere a Sant’Anna
A Sant’Anna dal 24 novembre al 6 gennaio al Museo Civiltà della Segale è aperta la mostra I Savoia in Valle Gesso a cura dello storico Walter Cesana. L’esposizione presenta curiosità e vicende di cui sono protagonisti i Savoia, assidui frequentatori della Valle Gesso per circa un secolo. Un’occasione per rivedere o vedere il Museo che con un percorso espositivo di storia e di tradizioni, di ricerca scientifica e di medicina, di architettura e di bioedilizia, trova nella segale il suo comun denominatore.
Orari: 9-18, chiuso il lunedì e il giovedì. Per le visite rivolgersi al negozio osteria I Bateur.
Informazioni: tel. 347 0008837.