Quantcast

Fiera del Porro a tutta Birra (Baladin) verso l’inaugurazione

Marchisio: "Per il terzo anno collaboriamo con l'amico Teo Musso per la grande serata birrogastronomica del 21"

Cervere. Dopo 38 edizioni di Porro Cervere in Fiera, anche la numero 39 sta correndo a tutta Birra – Baladin s’intende – verso l’inaugurazione di sabato 10 e verso la serata di mercoledì 21 che sembra ancora distante ma in realtà, se si guarda al susseguirsi di prenotazioni, non lo è affatto. Brindando fin da ora a un successo misurato dal livello delle prenotazioni raggiunte nel corso del mese di ottobre attraverso i tre centralini telefonici attivati dalla Pro loco in coordinamento con l’Amministrazione comunale.

Nel contesto, infatti, delle innovazioni introdotte nel corso di questi quattro anni più recenti, il rafforzamento dei gemellaggi territoriali, e la creazione di una filiera del gusto con il Porro Cervere nel ruolo di capofila e ambasciatore, ha determinato un livello di adesioni istituzionali, turistiche e commerciali, al di sopra di ogni previsione. Rafforzando il ruolo della Fiera come motore di conoscenza e divulgazione della realtà cerverese, e di quelle con essa gemellate, e mettendo a disposizione dell’economia locale numeri importanti sui quali contare per un presente e futuro a cui guardare con ottimismo più che fondato.

Insomma, uscendo da una nota metafora popolare, parlando della Fiera e delle sue ulteriori prospettive di crescita, il bicchiere è tutto pieno, e a farlo traboccare anche un po’ ci pensa Teo Musso con la Birra Baladin.

“Una Birra servita nel calice che è tutto un programma, anzi un menù – dichiara il Sindaco Corrado Marchisio, assieme al Presidente della Pro loco Giovanni Rinero – Dopo tre anni di collaborazione sempre più stretta e intensa fra Cervere e Piozzo, le occasioni di sinergia e promozione tendono ad abbracciare periodi anche diversi dal mese clou di novembre, e quindi aggiuntivi allo stesso. In altri termini, l’abbinamento fra Eccellenze a tavola, fra cibi e bollicine delle nostre rispettive tradizioni agricole e contadine, ha portato a una destagionalizzazione degli arrivi e delle presenze di visitatori e buongustai a Cervere e nei Comuni con cui stiamo collaborando, e questo deve essere uno dei nostri principali motivi di orgoglio in uno con le migliorie urbane e infrastrutturali progettate e realizzate in periodi generali non facili”.

Adesso però il discorso deve proseguire a tavola: “Le Birre agricole di Teo Musso, grande amico di Cervere, si qualificano per una varietà e un assortimento di opzioni, frutto di un costante lavoro di ricerca, in grado di accompagnare con le proprie bollicine ogni fase del Menù, dall’aperitivo di benvenuto al dolce, e ciò ne fa un prodotto beverage su misura per le famiglie. Buon Porro per una Fiera che offrirà due settimane a tutta Birra”.

Il Menù inizia da una Super Bitter Baladin abbinata a un mini burger di crudo di vitello fassone, porro caramellato alla brace e burrata e a una crema di topinambour e patate, castagne cotte al rosmarino, pancetta e porri croccanti. Toccherà quindi a un primo piatto di ravioli del plin “Michelis” allo stinco Baladin, burro e riserva Fiandino accompagnato da una Birra Nora. Il secondo servirà un fondente di vitello stracotto innaffiato dalle bollicine di Rapa Violetta di Cervere. Non mancherà il digestivo, ossia il BeerMounth Baladin abbinato al dolce di congedo e arrivederci al 2019. Quando i calici festeggeranno i primi 40 anni del Porro Cervere in Fiera.