Paolo Cordero

operazione nemesi guardia di finanza cuneo

Misura cautelare revocata

E’ tornato in libertà uno degli indagati dell’operazione “Nemesi”

Si tratta dell’ingegnere fossanese Paolo Cordero, per cui erano stati disposti gli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta della Guardia di Finanza di Cuneo che ha consentito di smantellare un’associazione a delinquere internazionale dedita alla commissione di complesse frodi fiscali attraverso l’emissione di fatture false e l’utilizzo di crediti tributari inesistenti