Quantcast

Rifreddo lancia l’Estate al cinema

Proiezioni nell’ambito del progetto giovani protagonisti delle Valli del Monviso e dell’iniziativa Cinecamper del Nuovi Mondi Festival

Comincia martedì 21 giugno alle ore 21 presso il campo sportivo parrocchiale l’Estate al cinema rifreddese. Prima pellicola ad essere presentata sarà “Funne. Le ragazze che sognavano il mare” di Katia Bernardo.

Una storia di dodici “ragazze ottantenni” e del loro sogno di vedere il mare, perché molte di loro il mare non l’hanno mai visto. In occasione del ventennale del circolo dei pensionati Il Rododendro, la presidentessa decide con entusiasmo di dare il via alla raccolta fondi per questa nobile causa, ma di soldi ne servono tanti per realizzare questo progetto e le attività messe in campo non sempre si rivelano azzeccate. Comincia così l’avventura che le vedrà cucinare torte da vendere in paese, posare da modelle per un calendario e donne di Internet impegnate nel crowdfunding per raggiungere, non senza alcuni momenti di sconforto, il proprio scopo.

Risate, lacrime, gelosie, timori accompagnano le funne (donne in dialetto trentino) e i loro sforzi che le porteranno anche ad una inaspettata notorietà. Una storia vera che ci ricorda non solo che non dobbiamo mai smetter di sognare, ma che i nostri sogni possono diventare realtà a qualsiasi età, basta non perdere mai l’entusiasmo, la curiosità e la voglia di vivere.

Dopo questa prima puntata il 13 luglio a tenere banco presso il Laboratorio del paesaggio montano, sempre alle ore 21, sarà il film d’animazione “La canzone del mare” mentre la rassegna sarà conclusa sempre al “Laboratorio” il 27 luglio dalla pellicola “Leo da Vinci – Mission Mona Lisa”. 

Le iniziative culturali si inseriscono, da un lato, nell’ambito del progetto “Rifreddo Landscape Lab – Giovani protagonisti della rinascita delle valli del Monviso” e, dall’altro, in quello del “Cinecamper del Nuovi Mondi Festival”. Con il primo il comune di Rifreddo ha deciso di puntare fortemente sulle attività per i giovani. Lo stesso, infatti, ha come tema le attività riservate ai giovani under 35. Più in dettaglio la proposta del piccolo comune dalle Valle Po prevede di concentrarsi sul rapporto tra giovani, territorio ed ambiente e declina attività per un valore complessivo di 88.400 euro.

Molto ampia e qualificata la partnership che vede aderire al progetto enti come il parco del Monviso, il Consorzio socio-assistenziale Monviso Solidale, l’Unione dei Comuni del Monviso, enti locali come Sanfront, Ostana e Revello, e diverse associazioni come B-612 LAB, Vesulus, Ratatoj, Riusiamo l’Italia e Fondazione Sant’Agata. Nella proposta si prevede la rifunzionalizzazione della “Porta di valle” ed una serie di iniziative legate alle tematiche ambientali e di aggregazione giovanile, di laboratori ma anche la predisposizione di uno studio di fattibilità gestionale della struttura a lungo termine in modo da far diventare il progetto una sorta di trampolino di lancio per una o più associazioni giovanili. La seconda iniziativa di ormai lunga lena si caratterizza per la trasformazione di un camper del 1979 in un cinema viaggiante per portare la magia del grande schermo nei piccoli borghi di montagna.

Portare il cinema dove non c’è è il modo con cui Nuovi Mondi dà vita a festival e a comunità̀ culturali provvisorie che sviluppano momenti “sociali” e “rurali” attraverso lo stare insieme in una piazza davanti a un film. In altre parole si valorizzano luoghi, persone e paesaggi utilizzando la cultura come base dello sviluppo locale.