Quantcast

In Valle Pesio un campo scuola per i forestali sardi e siciliani foto

I corsi, entrambi della durata di una settimana, sono programmati nell'ambito di FOR.ITALY progetto di cui è capofila la Regione Piemonte

Le pregiate faggete della Valle Pesio fanno da “campo scuola” per due corsi di formazione per istruttori forestali delle regioni Sardegna e Sicilia.

Il primo è in fase di svolgimento con una quindicina di partecipanti sardi e la presenza di dirigenti e funzionari della regione. Quello della Sicilia sarà attivato a giugno.

I corsi, entrambi della durata di una settimana, sono programmati nell’ambito di FOR.ITALY progetto di cui è capofila la Regione Piemonte e che interessa tutto il territorio nazionale. Il progetto si fonda sulla collaborazione tra le regioni italiane e rappresenta il primo ed importante risultato della cooperazione interistituzionale attivata grazie al “Testo unico in materia di foreste e filiere forestali” (d.lgs. 34/2018). Particolarmente significativo di FOR.ITALY è la standardizzazione a livello di formazione e di pratiche forestali.

Ad accogliere il gruppo il sindaco di Chiusa Chiusa Claudio Baudino, gli assessori Daniela Giordanengo e Simone Giorgetti con il consigliere delle A

Armando Erbì e il presidente Piermario Giordano: “Siamo lieti di ospitare gli aspiranti istruttori della Regione Sardegna sul nostro territorio per lo svolgimento del progetto FOR.ITALY che ha per capofila la Regione Piemonte. Una prima sessione formativa che sarà seguita da una seconda con personale proveniente dalla Regione Sicilia. Per il Parco e il Comune di Chiusa Pesio si tratta di un’importante occasione di confronto professionale, di scambio di esperienze tra gli operatori coinvolti e anche di promozione locale”.

A scegliere i boschi della Valle Pesio per le attività sul campo sono state Exor Sardegna e Mediali Sicilia, Agenzie accreditate dalle rispettive regioni che hanno il compito di organizzare la formazione degli istruttori forestali nelle tecniche di abbattimento e allestimento dei cantieri.

L’attività formativa è a cura della società 3T con il supporto del personale tecnico che opera nel Parco naturale del Marguareis, gestito dall’Ente Aree Protette Alpi Marittime e la collaborazione del Comune di Chiusa Pesio. Offre un contributo al corso anche il Settore formazione forestale della Regione Piemonte con la partecipazione dei funzionari Valerio Motta Frè e Pierpaolo Brenta.

Tra i vari temi dei corsi saranno trattati anche quelli relativi i rischi specifici nelle operazioni di taglio e allestimento (taglio e movimentazione) di alberi schiantati da vento.

Per le attività sul campo sono state scelte le faggete del Vallone Cravina, nelle vicinanze della Certosa di Pesio e fuori dai confini del Parco naturale del Marguareis, dove in primavera vigono le restrizioni all’attività forestale sancite dalle misure di conservazione della Rete Natura 2000.