Quantcast

Recuperato speleologo ferito in grotta a Ormea: ma era un’esercitazione foto

Hanno partecipato 15 tecnici specializzati, un infermiere più altri 6 tecnici in supporto esterno

Ormea. Esercitazione di soccorso in grotta organizzata lo scorso fine settimana dalla Delegazione Speleologica del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese nella Voragine della Ciuaiera, nei pressi della Colla dei Termini sui pendii meridionali del monte Antoroto presso Ormea (CN).

La delegazione di soccorso speleologico piemontese ha organizzato un intervento a sorpresa per il recupero di uno speleologo infortunatosi proprio alla base dell’ultimo pozzo della grotta, ad una profondità di -220 m dall’ingresso.

I tecnici CNSAS, intervenuti sabato 21 maggio, hanno raggiunto e soccorso l’infortunato, coordinati da un loro sanitario hanno provveduto a stabilizzare ed imbarellare il figrante.

La barella – ottimizzata per il trasporto di un ferito in ambiente ipogeo – è stata poi appesa ad un sistema di corde e dispositivi montati dai tecnici lungo i 14 tratti verticali della grotta – il più ampio dei quali è alto oltre 40 metri.

Sono state messe in pratica nuove tecniche di movimentazione rapida del ferito che prevedono squadre molto compatte e veloci dotate di attrezzatura “alleggerita” pur nel rispetto di tutte le condizioni di sicurezza.

Le operazioni si sono protratte senza interruzione per tutta la notte e si sono concluse con l’evacuazione del ferito all’esterno della grotta all’alba di domenica 22 maggio.

All’esercitazione hanno partecipato 15 tecnici specializzati e un infermiere più altri 6 tecnici in supporto esterno.