Quantcast

Busca, via Umberto I riapre al traffico

In vista del passaggio del Giro d'Italia U23 e della festa patronale, l'ultimo tratto sarà eseguito in luglio

Il secondo dei tre tratti in cui sono divisi i lavori a cura dell’Acda, l’azienda che gestisce l’acquedotto cittadino,  in via Umberto I  per la sostituzione delle vecchie tubature in ghisa e ferro con le moderne in polietilene e dei relativi allacciamenti è stato concluso ed ora occorre attendere l’assestamento della pavimentazione, necessaria  alla buona riuscita dell’intervento, prima di riaprire la strada nel tratto da piazza Savoia a via Milite Ignoto.

La riapertura è prevista per venerdì 4 giugno. Tra via Cadorna e via Milite Ignoto è stato anche allargato il marciapiede, utilizzando alcuni posti di sosta per le auto. “Si è trattato – spiega il sindaco Marco Gallo – di una scelta ponderata, che si inserisce in un ulteriore progetto di valorizzazione urbanistica del centro cittadino, per consentire un sicuro e comodo passeggio e che si completerà con nuovo arredo urbano  lungo il nuovo marciapiede e in piazza della Rossa.  La scelta è stata condivisa anche con il direttivo di Assoimprese Busca, con cui abbiamo avuto un incontro per la verifica dei prossimi step. Di comune accordo abbiamo deciso di chiedere all’Acda una sospensione dei lavori nell’ultimo tratto, da via Milite Ignoto a piazza della Rossa, in vista del passaggio del Giro d’Italia under 23 il 16 di giugno e degli eventi in programma per la festa patronale di San Luigi. Pertanto il cantiere riaprirà ad inizio luglio e deve concludersi entro 30 giorni lavorativi”.

“Ringraziamo Assoimprese per la collaborazione – dice l’assessore Diego Bressi –: il direttivo  ha compreso la situazione e ha dimostrato di gradire  l’allargamento dei marciapiedi, raccogliendo pareri favorevoli da molti frequentatori del centro, a cominciare da chi deve spostarsi su un sedia a rotelle oppure deve accompagnare un passeggino.  L’obiettivo della completa eliminazione delle barriere architettoniche si sta concretizzando”.