Quantcast

Cuneo intitola piazza al generale che fu campione italiano universitario di sci di fondo foto

Piero Arnol, nei nevosi inverni degli anni ‘70/80 scendeva sulle sponde del Gesso e preparava la pista su cui i Cuneesi potevano esercitarsi e divertirsi. Proprio lì, dove iniziava la pista battuta, è stato dedicato il piazzale in suo onore

Cuneo. Lo scorso martedì 17 maggio, a Cuneo, è stato intitolato al Generale Piero Arnol il Piazzale in Via Parco della Gioventù, di fronte ai campi da tennis – Parco Fluviale Gesso e Stura. Il generale Piero Arnol, nato a Susa il 1° novembre 1917, rimase sempre legato alla sua valle, che lasciò solamente per intraprendere la carriera militare, dopo aver effettuato gli studi classici presso il Liceo Valsalice, in Torino.

Negli anni 1940-1941 Piero Arnol fu campione italiano universitario di sci di fondo, negli anni 1946/1966 campione italiano militare di fondo e discesa, e nel 1948 fu designato Capopattuglia nello sci di fondo per le Olimpiadi invernali di Saint Moritz.

Dopo una brillante carriera militare fra gli Alpini, possedendo grandi doti sciistiche ed alpinistiche, dal 1950 al 1956 fu impiegato quale comandante del Nucleo di Sci Agonismo di Courmayeur, dipendente dalla Scuola Militare Alpina di Aosta. La carriera militare lo portò infine a Cuneo, al 2° Reggimento Alpini, dal 1964 al 1974. Ed a Cuneo rimase fino al 17 dicembre 2007 quando morì a 90 anni di età.

Appassionato di sci di fondo, nei nevosi inverni degli anni ‘70/80 scendeva sulle sponde del Gesso e preparava la pista su cui i Cuneesi potevano esercitarsi e divertirsi. Proprio lì, dove iniziava la pista battuta, è stato dedicato il piazzale in suo onore.

Numerosi interventi hanno ricordato la figura del Generale Arnol ed il Monsignor Giuseppe Guerrini, Vescovo emerito di Saluzzo e grande sportivo, ha benedetto il sito.

Nel suo intervento il Vicepresidente della Sezione UNVS L. Pellin di Cuneo, Giovanni Aime, dopo aver sottolineato che il Generale Arnol fu iscritto alla sezione cuneese dal 1970, anno di fondazione della sezione, fino al 1990, ha salutato e presentato i grandi campioni del passato partecipanti alla cerimonia: Stefania Belmondo e Franco Arese e la giovanissima campionessa italiana di mezzofondo Anna Arnaudo, autentica promessa per il futuro dello sport nostrano, con un sogno nel cuore: le prossime Olimpiadi.