Quantcast

Il Buongiorno di Cuneo24

Nel 1904 a Parigi viene fondata la FIFA

Cuneo. Il sole è sorto alle 5:52 e tramonta alle 21:01. Durata del giorno quindici ore e nove minuti.

Santi del giorno
Santa Giulia, vergine e martire in Corsica, è la protettrice della Corsica.
San Vittorio e compagni, martiri.
San Costantino il Grande, imperatore.

Avvenimenti
1502 – Il navigatore portoghese João da Nova scopre l’Isola di Sant’Elena.
1927 – Lindbergh completa la prima trasvolata atlantica senza scalo. Da New York a Parigi attraverso l’Atlantico, un volo ininterrotto verso la leggenda e il progresso. Con l’impresa del giovane pilota americano si entrò nel vivo della stagione d’oro dell’aviazione, che da quel momento conobbe uno sviluppo incontenibile nel trasporto civile e per scopi militari. Quella pagina storica fu anche un fenomeno mediatico di massa che trasformò il protagonista in una vittima della sua stessa popolarità. Vent’anni dopo il celebre volo dei fratelli Wright, l’aviazione si apprestava a vivere una fase di svolta con il boom degli anni Venti e Trenta del XX secolo. I progressi tentati in termini di prestazioni e affidabilità nel corso della Prima guerra mondiale, vennero messi a frutto in questo periodo, grazie a una rinnovata ambizione verso la conquista dei cieli e alle pressanti esigenze di rendere più veloci i collegamenti civili e commerciali sulle grandi distanze. La nuova sfida era rappresentata dai voli transatlantici per i quali c’era qualcuno disposto a pagare profumatamente; come l’imprenditore Raymond Orteig che, dal 1919, aveva messo in palio un premio di 25.000$ per chi avesse compiuto la prima trasvolata atlantica senza scalo. Una scommessa che Charles Lindbergh, pilota 25enne dell’aeronautica statunitense, era intenzionato ad affrontare con una soluzione tecnica che in quel momento ai più sembrava una follia, al punto da soprannominarlo il “pazzo volante”. Il giovane, figlio di immigrati svedesi benestanti, era convinto che il monoplano monomotore fosse il mezzo più adatto a quel tipo di volo, perché più affidabile ed aerodinamico, rispetto ai tradizionali biplani plurimotore. Dopo numerosi rifiuti, trovò i finanziatori per la costruzione del velivolo che aveva in mente, affidata alla compagnia californiana Ryan Airlines. Il modello, un monomotore ad ala alta e con 240 CV di potenza, prese il nome di “Spirit of Saint Louis”, in onore della città del Missouri da cui provenivano i finanziatori. La partenza venne fissata per venerdì 20 maggio del 1927 dall’aeroporto Roosevelt Field, vicino a New York. Giornali e radio di mezzo mondo costruirono un’attenzione spasmodica attorno all’evento, parlando di impresa del secolo, mentre i bookmakers inglesi registravano migliaia di scommesse sulla sua riuscita. Un certo pessimismo aveva iniziato a farsi largo dopo il fallito tentativo degli aviatori francesi Charles Nungesser e François Coli, partiti l’8 maggio e scomparsi nel nulla. A Lindbergh andò diversamente. Esattamente dopo 33 ore e mezza di volo, a una velocità media di 188 km/h, il giovane pilota sorvolò la Torre Eiffel atterrando nel vicino aeroporto di Champs de Le Bourget. Ad attenderlo 150 mila persone in delirio e le massime autorità francesi, che gli conferirono la croce d’onore. Il ritorno in patria fu ancor più trionfale: accolto come un eroe dal presidente Calvin Coolidge e portato in trionfo per il paese, si vide assegnato il grado di colonnello. La sua fama crebbe negli anni a seguire, parallelamente all’insofferenza per l’attenzione morbosa riservata dai media a lui e alla sua famiglia. Una condizione che si fece insopportabile con la vicenda del rapimento e dell’assassinio del primogenito Charles August, che lo costrinse a trasferirsi in Europa. Cinque anni più tardi l’impresa di Lindbergh venne bissata dalla connazionale Amelia Earhart, prima donna a compiere la trasvolata dell’Atlantico in solitaria.
1956 – Nell’Oceano Pacifico, presso l’Atollo di Bikini, avviene la detonazione della bomba Shot Redwing-Cherokee. È la prima bomba all’idrogeno aviotrasportabile testata dagli Stati Uniti d’America.
1845 – In Inghilterra, Thomas Hancock brevetta la gomma vulcanizzata, migliorando il processo conosciuto da secoli dai Nativi americani.

Nati in questo giorno
Marco Carta – Artista pop, nato a Cagliari, ha esordito al talent show Amici di Maria De Filippi e ha confermato il suo successo con la vittoria al Festival di Sanremo del 2009 con il brano La forza mia. Da sempre appassionato alla musica, diventa la sua valvola di sfogo dopo la morte di entrambi i genitori. Cresce coi nonni materni e, ancora adolescente, si esibisce in locali dal vivo e in cerimonie private, raccogliendo sempre più consensi. Nel 2007 viene ammesso nel cast di “Amici”, vinto nel 2008 col 75% delle preferenze. La vittoria gli fa guadagnare il primo contratto discografico, con cui pubblica l’album Ti rincontrerò, disco di platino (con oltre 70mila copie vendute). Nello stesso periodo partecipa alla colonna sonora della pellicola d’animazione Impy Superstar – Missione Luna Park. Il 2009 è l’anno dei trionfi: dal palco dell’Ariston al Venice Music Awards (premiato come “artista maschile dell’anno”), passando per i due Wind Music Awards. L’anno successivo viene nuovamente premiato al Venice Music Awards come miglior voce maschile e, nel 2011, vince i TRL Awards 2011 nella categoria “Best Talent Show Artist”. Il successo dell’ultimo album Necessità Lunatica del 2012 gli fa ottenere due candidature ai World Music Awards 2013 e una nomination agli MTV Awards 2014. Il 26 maggio 2017 pubblica Tieniti forte, il suo sesto album in studio. Vince la settima edizione di Tale e quale show, andata in onda su Rai 1 da settembre a novembre 2017. Bagagli Leggeri è titolo dell’album uscito nel giugno 2019. Festeggia 37 anni.
Paola Saluzzi – Giornalista e volto familiare al pubblico televisivo, per quasi vent’anni in Rai e da un lustro in onda sulla principale emittente satellitare. Nata a Roma, entra in Rai nel 1991 collaborando come giornalista nella TV pubblica collaborando alla trasmissione “Viaggio intorno all’uomo” di Sergio Zavoli. Dopo tre anni come inviata sportiva a TMC e una breve esperienza a Mediaset (dove esordisce come attrice nella popolare sitcom “Casa Vianello”), nel 1998 spicca il volo come conduttrice di Unomattina, talk di punta di Rai Uno. Dal 2009 passa all’emittente di Rupert Murdoch per condurre Sky TG 24 Pomeriggio, ricevendo l’anno seguente il “Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo”, per la sezione “giornalismo”. Nel 2017 si trasferisce a TV2000, l’emittente televisiva cattolica. Compie 58 anni.

Eventi sportivi
1904 – A Parigi viene fondata la FIFA.

Proverbio/Citazione
Acqua di maggio è come la parola di un saggio.
“[La Juventus] È una squadra che fin da bambino non mi è mai stata simpatica” Urbano Cairo