Quantcast

“Fondo Impresa Femminile” una misura per favorire l’Imprenditoria femminile

Della Torre, “Una riunione virtuale importante per comprendere al meglio uno strumento finanziario di sicuro interesse”

Recentemente il Consiglio direttivo di Terziario Donna Confcommercio della provincia di Cuneo ha incontrato “in video” il Dr. Riccardo Rua di Confirete insieme a Luca Chiapella e Marco Manfrinato, Presidente e Segretario generale di Confcommercio della provincia di Cuneo.

Il Dr. Riccardo Rua, Ceo e Business Consultant di FinAge Sviluppo e consulente di Confirete, ha illustrato la misura denominata “Fondo Impresa Femminile” attiva dal mese di maggio, volta a favorire gli investimenti per l’avvio o per lo sviluppo ed il consolidamento di imprese femminili.

Nel suo intervento ha analizzato la tipologia di investimenti ammissibili, i soggetti beneficiari, le spese e l’entità di agevolazione e le tempistiche di presentazione delle domande di contributo

Confirete nasce dalla fusione per incorporazione di Confapifidi in Ascomfidi Nord-Ovest e si propone come uno dei più importanti Confidi italiani, intermediario finanziario vigilato da Banca d’Italia e dotato di una stabile ed organica presenza soprattutto nel Nord Italia.

Grazie alle competenze maturate negli anni, accompagna le imprese nella presentazione delle domande di contributo per le imprese a conduzione femminile.

“Ringrazio – interviene Aurelia Della Torre, presidente di Terziario Donna Confcommercio della provincia di Cuneo – le colleghe consigliere, Luca Chiapella e Marco Manfrinato per la partecipazione ed il Dr. Riccardo Rua per l’illustrazione chiara, sintetica ed efficace dello strumento di credito dedicato all’Imprenditoria femminile”. “Tra l’altro, Luca Chiapella è anche Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione di Confirete”.

“Siamo da sempre al fianco – conclude Luca Chiapella, presidente di Confcommercio-Imprese per l’Italia-della provincia di Cuneo – del Terziario Donna Confcommercio e dell’infaticabile Presidente Aurelia Della Torre nell’assistenza all’imprenditoria femminile, sia quella esistente che quella futura ed auspichiamo una sempre più stretta collaborazione per il consolidamento e lo sviluppo dell’imprenditoria femminle”.