Quantcast

Cuneo Volley, il sogno Superlega si spezza in Gara 4

In Emilia i ragazzi di coach Serniotti potevano soltanto vincere per prolungare la serie alla "bella" da giocare in casa. Nonostante il massimo impegno anche dovuto al supporto dei Blu Brothers in tribuna però, la promozione va a Reggio Emilia.

Una vera battaglia questa Gara4, che fin dal 33-31 del primo set preannuncia un match ad altissimo livello. Capitan Botto e tutti i ragazzi di coach Serniotti non si risparmiano e aggrediscono ogni pallone, tanto da portare a casa il terzo set. Con il palazzetto a favore e sulle ali dell’entusiasmo, Reggio Emilia chiude la serie e conquista la Superlega. Con gli ultimi due atti di questa Finale Play Off A2, i biancoblù hanno regalato uno spettacolo e un sogno a tutta la Città, i tifosi, gli sponsor, appassionati e sostenitori che hanno vissuto ogni attimo di una stagione immensa, da ogni punto di vista. La squadra può assolutamente dirsi orgogliosa per quanto mostrato in campo, con due Finali nella stessa stagione e i complimenti a Reggio Emilia che in entrambe ci ha accompagnati e dimostrato di essere una grande squadra.

Lo starting six di Cuneo: Pedron palleggio, Andrić opposto, Sighinolfi e Codarin centro, Botto (K) e Preti schiacciatori; Bisotto (L).

Coach Mastrangelo schiera: Garnica (K) palleggio, Cantagalli opposto, Zamagni e Sesto centro, Held e Cominetti schiacciatori; Morgese (L).

Una battaglia punto a punto al PalaBursi, come nelle precedenti gare le due compagini non si risparmiano (12-12). Primo videocheck per palla IN/OUT che assegna il 14° a Reggio e Cuneo a 12 chiama il time out. Si rientra in campo e Cominetti mette in rete il servizio. Un break dei padroni di casa, poi l’intesa Pedron-Sighinolfi vede il 18-15 ed è lo stesso centrale ad andare al servizio. Entra Filippi per Pedron sul 19-16; dai nove metri Andrić. Cuneo recupera in difesa e dopo il punto di capitan Botto (20-18) coach Mastrangelo chiama il time out. Si rientra e alla battuta ancora Preti, poi al secondo tentativo è proprio lo schiacciatore biancoblù in pipe a trovare il -1. Rientra Pedron ed esce Preti per Lilli. Mani out di Held ed è set ball per i reggiani con Cominetti al servizio (24-21). Andrić annulla e manda Botto alla battuta (24-22) che trova l’ace del 24-23. Un lungolinea perfetto di Preti ed è 24 pari al PalaBursi. Time out per Reggio. Sbaglia il servizio Botto, ma recupera subito Andrić (25-25). Sighinolfi e Held mettono out i rispettivi servizi alla battuta. Il muro di Codarin, e poi un tocco a muro ed è nuovamente 27 pari. Un punto alla volta. Preti si conquista il turno dai nove metri, ma termina in rete (29-28). Cantagalli sbaglia l’attacco, Codarin al servizio. Held mette out la pipe ravvisato dal videocheck ed è 29-30, Cuneo passa avanti. Non si molla (30-31) cambiopalla ed è Pedron al servizio. Si chiude sul 33-31 il primo set.

Parte con un 3-0 il secondo set e coach Serniotti chiama subito il time out preventivo. Il primo punto di Cuneo è opera di Andrić (3-1), seguito da Botto che manda Codarin al servizio (4-2). Entra Tallone per Preti. Ottima copertura di Pedron che manda Botto al servizio (7-6). Bene Tallone, poi altro cambiopalla e Garnica va alla battuta (8-7). Secondo tocco dovuto richiedere perché non visto dalla coppia arbitrale (8-9). Un livello altissimo di gioco da entrambi i lati del campo, un continuo punto a punto (13-13). Capitan Botto spinge a mille sul muro avversario e trova il mani out a fondo campo del 14 pari e va al servizio. Andrić conquista da sé il turno dai nove metri (17-16). Attacco out di Tallone e sul 19-16 coach Serniotti chiama il time out. Errore di sesto in battuta; entra Filippi per Pedron e Tallone va alla battuta (19-17). Monster Block di Botto su Cantagalli (19-18). Il videocheck consegna l’ace a Tallone (19-19). Altro muro di capitan Botto, questa volta ai danni di Cominetti ed è time out Reggio (19-20). Sul 23-22 entra Suraci per Garnica, poi Scopelliti mette in rete il servizio e torna Garnica. Botto alla battuta (23-23) che sbaglia ed è set ball Reggio con il regista dai nove metri. Lo annulla Adrić, poi un errore a muro (24-24). Errore del muro di Cuneo, seguito dal “goal” di Held. Ace per l’opposto biancoblù ed è time out Reggio (25-26). Si rientra, errore alla battuta per Andrić ed ace per Scopelliti (27-26). Out l’attacco di Botto confermato dall’occhio elettronico (28-26).

Si torna in campo e per Cuneo rientra Preti nel sestetto. Sempre Reggio a prendere 2 punti di vantaggio e i biancoblù bravi a stare attaccati. Fino al break di Cuneo con Sighinolfi al servizio che vede il sorpasso cuneese 7-9 e il conseguente time out di Reggio. I padroni di casa recuperano il gap e si riportano a +1, ma Cuneo pareggia immediatamente (11-11). L’ace di Codarin vale il +1 Cuneo, ma recupera Cominetti con un mani out (13-13). Ottima difesa di Pedron e recupero di bisotto che alza per Botto ed è +2 Cuneo (13-15). Che azione: Biso difende l’attacco di Cominetti, Preti si allunga e rimanda di là, più scambi, poi Preti forte sul muro reggiano ed è 14-17. Time out per coach Mastrangelo. Si rientra in campo ed Botto va dai nove metri. Dentro Scopelliti per Sesto (14-18). Maggior gap dei biancoblù +6, la panchina reggiana chiama il tocco a muro, ma nada è 14-20 e Botto ancora alla battuta. Scopelliti trova il cambiopalla e manda Garnica al servizio. Mani out di Held, poi il regista mette in rete la battuta (15-21). Sul 17-22 entra Filippi per Pedron e dai nove metri c’è Andrić che trova l’ace! Che cuore Bisotto, poi l’invasione dei reggiani ed è set ball Cuneo 18-24. Botta e risposta di errori alla battuta, l’ultimo ravvisato anche dall’occhio elettronico ed è 18-25. 2-1 al PalaBursi.

Parte avanti Cuneo nel quarto set. Reggio recupera, ma con Codarin al servizio è doppietta di Pedron prima con una slash e poi a muro e il parziale segna 3-5. Reggio recupera e si prosegue punto a punto. Due punti consecutivi per i padroni di casa e coach Serniotti chiama il time out (11-9). Si torna in campo, Cantagalli al servizio, riceve e attacca Preti conquistando il turno dai nove metri (11-10). L’ace di Cominetti vede il +4 per Reggio ed è nuovamente time out per Cuneo. Botto trascinatore, i biancoblù restano incollati. Sul 21-16 entra Filippi per Pedron, ma al punto successivo si ripete il cambio (22-16). Entra Mian al servizio e trova l’ace del 24-17. Match ball per Reggio Emilia, a un passo dalla vittoria. Lo stesso Mian mette out e dai nove metri va Pedron. Rientra Garnica per i reggiani. Il mani out di Zamagni vale il 25-18. La promozione è di Reggio Emilia.

Mvp della Finale Play Off A2, lo schiacciatore della Conad Reggio Emilia, Roberto Cominetti. Al termine della partita Coach Serniotti: «  Non basta giocare bene, bisogna farlo anche nei momenti importanti, loro sono stati più bravi di noi nei due finali dei primi set. Bravi noi ad arrivarci è mancato poco e avremmo potuto essere 2-0 per noi e sarebbe stata un’altra partita. Siamo ancora stati bravi a vincere il terzo set, poi nell’ultimo il loro servizio ha fatto la differenza. Tutto sommato, sotto certi punti di vista credo che questa sia stata la migliore delle quattro partite. Un grande passo in avanti esser arrivati qua, un peccato aver portato a casa un solo atto di questa serie. Un’ottima stagione, sempre protagonisti; abbiamo disputato due finali, quindi rispetto alla scorsa stagione abbiamo alzato il livello e i risultati».