Quantcast

Lezione alla Scuola Edile per alcuni studenti del Denina Pellico Rivoira di Saluzzo foto

Il laboratorio verteva sulla costruzione di murature e intonaci: è stata la classe 3E CAT a svolgere l'attività

Nell’ambito della rinnovata collaborazione fra Denina Pellico Rivoira e la Scuola Edile di Savigliano lo scorso 16 maggio la classe 3E CAT ha svolto un’attività pratica presso il laboratorio dell’Ente Scuola Edile a Savigliano.

Il laboratorio verteva sulla costruzione di murature e intonaci: eseguire murature portanti, di tamponamento, tramezzature, nel rispetto delle norme di isolamento termico e acustico, recuperare e ripristinare le murature esistenti, realizzare camini e tubazioni di scarico e areazione, rivestire o ripristinare le murature con ogni tipo di malta, tradizionale o tipica, a base calce o premiscelati, a mano o con mezzi meccanici.

L’attività si è svolta nell’arco di 8 ore tra il mattino e il pomeriggio. Un docente della Scuola Edile ha spiegato a noi studenti quali tipologie di murature sono solitamente presenti nella realtà edilizia e i vari materiali che compongono ogni parte costruttiva.

Questo il racconto degli studenti: “Inizialmente ci è stata spiegata la struttura di un cantiere e l’utilizzo di eventuali DPI (dispositivi di protezione individuale), poi le varie tipologie di murature e le differenze tra i laterizi per poi illustrare la corretta realizzazione di una tramezzatura. Da questa spiegazione abbiamo appreso quali sono gli step per la posa in opera di una tramezzatura in laterizio.
La classe è stata divisa in gruppi e, mentre un gruppo si occupava della costruzione della tramezzatura, l’altro si occupava della preparazione della calce, imparando che la miscela di calce è composta da calce, sabbia e acqua in proporzione di quattro buglioli di sabbia per un bugliolo di calce.
Durante la costruzione del tramezzo abbiamo trovato difficoltà a posizionare i mattoni in modo corretto ma, andando avanti, abbiamo acquisito padronanza.
Dopo la pausa pranzo il professore ha controllato una ad una le tramezzature e ha spiegato gli eventuali errori commessi dai vari gruppi.
Il professore ha spiegato la preparazione dell’intonaco, i vari componenti e le differenze con la malta. Come prima cosa ha fatto due linee guida sulle quali gli studenti si sono basati per la stesura dell’intonaco e, in ultimo, le tre tipologie di mattoni, ovvero il mattone pieno, semipieno e forato.”

In conclusione un commento del prof. Ricca del Denina: “L’attività è stata molto istruttiva per tutti. Al mattino abbiamo visto come si costruisce una muratura in mattoni e nel pomeriggio è stato spiegato ai ragazzi come si applica l’intonaco sulla muratura.
I ragazzi si sono cimentati nella costruzione della muratura, hanno avuto poco tempo per l’applicazione in prima persona dell’intonaco, ma in ogni caso è stata una giornata molto istruttiva.
Gli insegnanti con cui abbiamo avuto a che fare sono stati gentilissimi e molto disponibili a seguire i ragazzi nell’attività”.