Quantcast

Bra, una vera e propria festa per il ritorno di “Eureka! Funziona!” foto

L’iniziativa provinciale promossa dalla sezione Meccanica di Confindustria Cuneo, rivolta agli alunni delle classi quinte della provincia, ha premiato tre manufatti e ha assegnato diverse menzioni speciali 

Un tripudio di verde ha colorato per una mattinata intera il Centro Arpino di Bra. Merito delle magliette fatte realizzare appositamente per i partecipanti al progetto “Eureka! Funziona!”, iniziativa rivolta ai bambini delle classi quinte della scuola primaria promossa dalla Sezione Meccanica di Confindustria Cuneo che quest’anno ha raggiunto la sesta edizione. 

Al verde di sfondo si sono poi aggiunte man mano diverse macchie di rosso, per via del  colore delle t-shirt consegnate ai vincitori delle diverse sezioni. 

A condurre la premiazione, coadiuvato dalla giornalista Chiara Serra, è stato il presidente della sezione Meccanica di Confindustria Cuneo, Marco Costamagna, il quale ha spiegato: «Dopo due anni di sospensione per  Covid, ci ritroviamo per la sesta edizione del progetto che la Sezione Meccanica di Confindustria Cuneo, in rappresentanza di 268 imprese e oltre 16.600 dipendenti, promuove presso le scuole primarie della provincia, con l’obiettivo di sviluppare la creatività manuale dei bambini e la loro capacità di lavorare in gruppo».

Dal 2015 a oggi sono state 100 le scuole interessate dal progetto e  oltre 2.300 i bambini coinvolti. All’edizione 2022 hanno preso parte 120 alunni di sei scuole primarie, per un totale di 25 lavori realizzati.

Dopo i saluti istituzionali, per voce dell’assessore comunale di Bra Lucilla Ciravegna (la quale ha sottolineato come il progetto dia giusto risalto all’importanza di saper fare, di applicare la nostra intelligenza alle esperienze manuali) è salito sul palco il direttore di Confindustria Cuneo, Giuliana Cirio per elogiare l’impegno dei partecipanti, dimostrando apprezzamento in particolar modo per i cartelloni pubblicitari realizzati a supporto dei manufatti.  

Dopo lo spettacolo del giocoliere Jury Longhi, cui è spettato anche il compito di concludere la mattinata, è stato reso noto l’esito delle valutazioni, ad opera della commissione composta da Marco Ferrua, dell’Itis Del Pozzo di Cuneo; Ingrid Brizio, direttore Afp di Dronero; Fulvio Rovera del Sirp di Bernezzo e Annalisa Pastore di Bipaled di Bra, in rappresentanza del Gruppo Giovani di Confindustria Cuneo. 

Per ogni lavoro premiato è stata letta la motivazione che ha portato la giuria alla scelta e, ove presenti, sono stati segnalati anche aspetti da migliorare, nell’ottica di un percorso di crescita destinato a proseguire anche dopo la mattinata celebrativa. 

Una novità rispetto alle passate edizioni nelle quali si premiavano le prime tre squadre, è consistita nel fatto che la Giuria ha deciso di attribuire tre primi premi ex aequo per ognuna delle tipologie di kit consegnate: meccanica, pneumatica ed energia rinnovabile. Per quanto riguarda la meccanica, il primo posto è andato alla quinta B della scuola di Govone, con il manufatto “#Glamada/22”, mentre per la sezione pneumatica la vittoria è stata assegnata alla quinta della scuola di Peveragno, con il manufatto “Il camion dei pompieri”. La pluriclasse quarta e quinta di Niella Tanaro, invece, è stata premiata per il kit relativo all’energia rinnovabile grazie a “I super metalmeccanici”. Oltre alla maglietta rossa, ad ogni bambino premiato è stata consegnata una medaglia, un trofeo collettivo e un buono spesa da 200 euro alla scuola. Tra i primi tre classificati la Giuria ha ritenuto di candidare all’evento nazionale il Gruppo della scuola di Govone che parteciperà in diretta al TG Eureka del 27 maggio al quale sono invitati a collegarsi tutti i bambini che hanno preso parte all’edizione 2022. Un buono spesa di 100 euro è stato consegnato alle scuole non premiate, ovvero Diano d’Alba, Sale Langhe e San Lorenzo Peveragno. 

Dopo un altro gradito intermezzo di giocoleria e destrezza con il coinvolgimento del pubblico, sono stati consegnati alcuni premi speciali: a Wassim Jbilou della quinta A di Peveragno per il manufatto “Sottomarino”, a Leonardo De Mucci e Lucia Macagno della quinta B di Peveragno, per la miglior costruzione con il manufatto “Catene o dischi volanti?”, a Violante Belluta ed Eva Melnic della quinta A di Govone per il miglior diario di bordo per “Elipeace”, a Francesco Orlando della quinta di Sale Langhe, come miglior pubblicitario, per il manufatto “Alfa Y”. Ha chiuso l’elenco di menzioni speciali Filippo Boglio della pluriclasse di Niella Tanaro per il manufatto “Niella Bot”. 

La buona sorte ha premiato la scuola di San Lorenzo di Peveragno, cui è andata la stampante offerta da Informatica System. 

Ad attendere i bambini all’uscita, la sacca offerta da Biemmedue con prodotti Ferrero, una bottiglietta di Acqua Lurisia, un gadget dello Studio Leonardo, cui si è aggiunta una guida galattica alle Stem per ogni scuola. La buona riuscita dell’evento è stata resa possibile anche dal supporto di Bottero (che ha offerto medaglie e trofei) e della Camera di commercio di Cuneo, la quale ha sostenuto l’iniziativa con un contributo economico.

Un ritorno alla normalità, scaldato dall’entusiasmo dei bambini, che rappresenta il primo tassello verso un sempre maggior coinvolgimento delle classi quinte che nell’ultima edizione prima del Covid avevano preso parte con ben 500 alunni.