Quantcast

Anche la Croce Rossa di Alba partecipa al progetto “Alba Dodomu”

L’iniziativa di solidarietà del Comune in favore dei profughi ucraini

Alba. Oggi, lunedì 2 Maggio 2022 a partire dalle ore 17,00, nel Grande Circo di Primavera di piazza Medford ad Alba, i volontari del comitato locale della Croce Rossa Italiana, porteranno il loro contributo all’iniziativa “Alba Dodomu”, voluta dal Comune di Alba e finalizzata a realizzare una serie di incontri per regalare un momento di svago e serenità a chi è fuggito dalla guerra.

Un appuntamento al quale il comitato di Alba di Croce Rossa Italiana non poteva certo mancare, essendo parte del suo DNA l’aiuto, soprattutto in frangenti come quello che stiamo vivendo.
Un appuntamento reso ancora più attuale in questa settimana, dedicata alla celebrazione della Giornata Internazionale della Croce Rossa che partirà proprio dal 2 maggio all’insegna del motto: “Come stai? Ogni persona ha una storia. A noi interessano tutte.”

Nel Grande Circo di Primavera a partire dalle ore 17,00, i volontari di Croce Rossa intratterranno i più piccolini con attività di gioco, disegno e trucca bimbi, mentre per i più grandi e per le mamme, alcuni formatori daranno nozioni di primo soccorso, basic life support e dimostreranno quali siano quelle manovre di soccorso semplici e basilari, ma che a volte possono salvare una vita, da eseguire quando vengono a verificarsi quei piccoli incidenti che possono accadere nella quotidianità, anche tra le mura domestiche.

Si tratta di due attività che il comitato locale di Croce Rossa, svolge ormai da anni quotidianamente, sia nelle scuole primarie e secondarie, che in favore della popolazione albese.

“Siamo orgogliosi di poter dare il nostro contributo a questa iniziativa del comune di Alba – solo le parole del Presidente del Comitato di Alba, Ing. Luigi Aloi – che per altro si configura perfettamente con i principi fondanti di Croce Rossa. Crediamo che in questi momenti sia necessario fare rete, mettersi in gioco tutti assieme, ognuno nel rispetto delle proprie possibilità, per dare a tutti un forte segnale di pace e fratellanza”.