Quantcast

Una Cuneo strepitosa distrugge Novara e si guadagna Gara 3

La Bosca domina il match contro una delle due favoritissime per il trionfo finale, vince 3-1 e nel fine settimana al Pala Igor si giocherà le sue carte per approdare in una semifinale scudetto che sarebbe storico. Di gran lunga la più bella prestazione in stagione nella sfida più importante.

Non è ancora finita la stagione della Bosca S.Bernardo Cuneo. Al PalaSport di Cuneo nella Gara 2 dei Quarti di Finale dei Playoff Scudetto serviva l’impresa: battere la Igor Gorgonzola Novara che solo sabato scorso aveva letteralmente dominato la prima sfida per guadagnarsi il diritto a disputare una terza gara contro le novaresi, che hanno chiuso la regular season al secondo posto a parimerito con Conegliano.

Impresa serviva e impresa è arrivata. Le Gatte hanno messo in campo la migliore prestazione della stagione in quella che forse era la gara più pesante dell’anno, dominando letteralmente un match che si è concluso 3-1 solo perché le biancorosse non hanno saputo sfruttare un vantaggio di sei punti nel secondo set (dopo averne recuperati eroicamente sette nel finale del primo frangente, passando in vantaggio). Una prova che ha messo in mostra tutto il carattere e l’affiatamento di un gruppo di atlete incredibili, in grado di mettere sempre in difficoltà, per tutto il corso della stagione, anche le squadre favorite e più quotate delle Gatte sotto tutti i punti di vista. La prova di questa sera, seconda vittorria in assoluto contro le novaresi, vale di più perchè consente alle biancorosse di giocarsi le proprie carte nella “bella”, nella quale, come ha detto coach Pistola al termine del match, può succedere di tutto.

La prestazione della Bosca di stasera ha visto tutte le ragazze, nessuna esclusa, assolute protagoniste e decisive. Da segnalare, però è la prima prova da MVP in stagione (risultato che avrebbe meritato anche in almeno un paio di altre occasioni) per il libero Ilaria Spirito, questa sera semplicemente insuperabile, avendo salvato tutte le palle salvabili permettendo spesso alle compagne di trasformare l’azione da difensiva ad offensiva, spesso in maniera vincente. La stessa libero di Albissola ha dichiarato al termine della sfida che Cuneo non è quella timorosa di sabato scorso, ma quella vista in campo questa sera, una squadra che, specialmente nelle partite secche, può giocare brutti scherzi a chiunque. Dopo il meritato riposo, appuntamento dunque a Novara nel weekend (ancora da stabilire la data ufficiale) per la decisiva Gara 3. Con una Cuneo così è più che lecito sognare in grande.

Coach Pistola sceglie Degradi e Giovanini in banda, Squarcini e Stufi centrali, Signorile in palleggio, Gicquel opposto e Spirito libero.

Coach Lavarini risponde con Bosetti e Daalderop (S), Chirichella e Washington (C), Hancock (P), Karakurt (O) e Fersino (L).

Cronaca

Primo Set

Subito uno scambio molto lungo, che si conclude con l’attacco lungo di Giovannini e la richiesta del videocheck per un eventuale tocco a muro delle novaresi che si conclude con la smentita dell’occhio di falco e il conseguente vantaggio cuneese. Squarcini serve molto lungo e riporta la situazione in equilibrio. Cuneo si difende molto bene anche nello scambio successivo, ma l’ottima fase difensiva non basta per impedire il 2-1 ospite con il primo attacco mostruoso di Karakurt. Giovannini però appare in gran forma e risponde immediatamente in diagonale. Splendido il lungolina di Daalderop che vale il nuovo vantaggio igorino. Novara comincia a spingere, ma Cuneo appare molto concentrata e ricuce il distacco con Stufi, sporcata fuori dal muro (4-3). Dopodiché entra in partita Degradi che realizza un attacco dei suoi riportando il punteggio in parità. Cuneo si riporta addirittura in vantaggio con un monster block della difesa, ma Novara recupera subito con un attacco sporcato fuori da Degradi. Grande equilibrio in questo avvio di match, con nessuna delle due squadre che riesce a scappare. Degradi ritorna protagonista con un nuovo super attacco sul 6 pari, rimandando Cuneo davanti. Strepitosa anche la super murata di Squarcini che vale l’ottavo punto delle padrone di casa. Entra nel tabellino anche Gicquel, che sfonda il muro ospite per il 9-8. Novara riesce però sempre a ricucire, soprattutto grazie al talento di Caterina Bosetti, autrice già in questa primissima fase di match di alcuni punti semplicemente da manuale. Ripassate in vantaggio (10-9), le igorine riescono anche a mettere a segno un break grazie al super muro di Karakurt e Chirichella, fino al massimo vantaggio accumulato finora (9-12). Cuneo a questo punto reagisce con la fast Signorile-Stufi, come sempre tremendamente efficace e con l’ottimo ace di Gicquel, che becca la linea di fondo. La battuta successiva della francese si spegne fuori non di molto (11-13). Le novaresi però cominciano ad ingranare anche a muro, mettendo a segno diversi punti molto pesanti, fino a riportarsi ad una certa distanza (15-11). Chirichella, dopo l’ennesimo muro vincente di Daalderop, sblocca il conto degli ace anche per le ospiti, realizzando il punto numero 17 contro i 12 di Cuneo. Entrano Zanette e Agrifoglio al posto di Gicquel e Signorile. Novara non sembra patire il cambio d’assetto delle padrone di casa e mette a terra due ulteriori punti. Cuneo che appare in forte calo in questo momento del set, con anche alcune amnesie difensive imperdonabili contro avversarie così forti. Degradi permette alle Gatte di mettere nuovamente a segno un punto portando il punteggio sul 14-20. Nello scambio successivo Cuneo ha sempre il pallino del gioco e riesce a costruire ottime azioni, ma alla fine subisce il muro di Hancock. Cuneo prova ad imbastire una rimonta con Squarcini e Gicquel, che portano a casa un break dopo moltissimo tempo. Subito dopo l’attacco ospite finisce a lato, portando il punteggio sul 17-21). Entra Kuznetsova al posto di Giovannini. La russa subito realizza un punto importante attaccando forte sul muro, con il pallone che si spegne fuori. È ancora la numero 1 a mettere a segno il punto del -2 Cuneo (19-21). Squarcini mette poi a segno un nuovo monster block, costringendo coach Lavarini a chiamare il timeout per spezzare i ritmi della rimonta biancorossa. Ancora Kuznetsova con un ottimo attacco sporcato dal muro ospite, raggiunge la parità, seguita subito dopo dall’ace di prepotenza di Degradi (22-21). Rimonta incredibile di Cuneo. Ancora una super murata di Squarcini regala alle Gatte il +2, seguita a ruota da un altro monster block di Kuznetsova che vale 3 set ball per le padroni di casa. Il primo è vanificato dall’attacco fuori di Degradi, ma il secondo è buono grazie al servizio lungo della specialista Hancock. 25-22, 1-0 Cuneo dopo una rimonta leggendaria.

Secondo Set

Cuneo che comincia subito con un grande ace di Gicquel. Nello scambio successivo Stufi a muro manda il pallone fuori per il pareggio novarese. È invece buonissimo l’attacco in lungolinea successivo ad opera di Giovannini. Videocheck di nuovo all’opera per chiarire un tocco a muro non ravvisato dall’arbitro sull’attacco di Gicquel. Il tocco a muro c’è e Cuneo si porta sul 3-1. Il quarto punto è invece messo a terra da Stufi con un monster block. Cuneo è frenetica e sfortunata sul 4-2, quando dopo un salvataggio della difesa Degradi manda a rete l’attacco e riscontra un fastidio muscolare, decidendo però di rimanere in campo. È ancora Stufi in pallonetto a riportare le Gatte a +2, seguita subito dopo da un clamoroso errore in attacco di Karakurt e di Washington (7-3). Al rientro in campo dopo il timeout però l’americana sembra volersi riscattare con un ottima diagonale e un grande muro, che permette alle novaresi di riportarsi a -2. Cuneo però si riporta a distanza (9-5), grazie ad un ottimo servizio di Signorile, difeso dalle ospiti malamente, che Squarcini ha gioco facile nel stampare a terra. Videocheck che sorride ancora una volta alle padroni di casa poco dopo, rilevando un nuovo tocco a muro sull’attacco di Degradi (10-5). Novara prova a ricucire anche in virtù di un’incomprensione difensiva che regala a Washington un ace senza grande fatica. Un nuovo muro fuori di Degradi e un errore in attacco delle igorine portano il punteggio sul 12-7. Cuneo sembra riuscire a mantenersi con costanza a distanza di 4/5 punti dalle ospiti, dimostrando grande personalità e agonismo. Prima Gicquel in diagonale e poi Stufi a muro, aggiornano il tabellone sul 15-9. Novara prova a reagire con un break (andando a segno prima in diagonale e poi a muro). È ancora Washington a mettere a terra il dodicesimo punto per le seconde classificate in regular season, sfruttando un’azione disordinata delle padroni di casa (15-12). Herbots, entrata da poco, riporta le ospiti a -2. Novara riesce a pareggiare, vanificando gli sforzi iniziali delle cuneesi, per un fallo in attacco delle Gatte. Situazione simile a quanto visto nel primo set, ma a parti invertite, con Novara che riesce a riportarsi nuovamente in vantaggio a seguito di un muro di Signorile terminato fuori (15-16), dopo aver recuperato sei punti. È un punto bellissimo e pesantissimo, quello che vale il nuovo pareggio siglato da Kuznetsova. Subito dopo il servizio successivo della russa, Gicquel va a segno con un attacco potente toccato fuori dal muro ospite. Degradi con un pallonetto chirurgico, riporta Cuneo in vantaggio (18-17), ma Stufi subito dopo manda a rete la sua battuta. Bosetti attacca forte e Novara ritorna davanti (18-19). Ancora Degradi, in diagonale, ristabilisce la parità. Dopo una grande azione, molto ben orchestrata da tutte e sei le biancorosse, Squarcini sparacchia fuori un pallone relativamente semplice per il 20-19 in favore di Novara. La giovane toscana però si rifà subito con un attacco in primo tempo vincente, cui segue uno strepitoso punto in diagonale di Kuznetsova, con Bosetti che va a sbattere contro i cartelloni pubblicitari tentando di salvarlo, invano (21-20). Il grande salvataggio di Spirito nello scambio successivo, permette a Cuneo di costruire un’ottima azione che culmina con il punto in zona centrale di Degradi (22-20). La stressa Degradi poi sbaglia la battuta. Hancock realizza il suo primo ace nell’incontro per il punto del 22 pari. Cuneo è poco lucida nello scambio successivo e va a sbattere contro il muro ospite, consentendo alle igorine di ritornare a condurre. Karakurt è molto fortunata nell’attacco successivo, regalando a Novara due palle set. Novara capitalizza alla prima con il facile appoggio a terra di Daalderop dopo le difficoltà in ricezione di Spirito. 25-22 e 1 pari nel conto dei set al PalaSport di Cuneo. Le Gatte possono rimpiangere un vantaggio di sei punti dilapidato intorno alla metà dello spezzone di gara.

Terzo Set

Cuneo prova subito a forzare con Gicquel, che però non è precisa e attacca fuori. È invece vincente il muro di Squarcini, che le novaresi non riescono a rialzare. L’azione convulsa successiva vede Giovannini sbattere inesorabilmente contro il muro ospite per il nuovo vantaggio delle igorine. Vantaggio che si trasforma in +2 con l’ottimo attacco seguente di Karakurt. Giovannini priva a rispondere ma la sua diagonale termina a lato (1-4). La difesa di Novara è semplicemente miracolosa subito dopo (in particolar modo con Chirichella) e le ospiti riescono a portare a proprio vantaggio una situazione difficilissima, siglando il punto del 5-1. Cuneo è estremamente contratta in questa fase, faticando ad imbastire azioni ordinate e difendendo con eccessiva frenesia. È Kuznetsova a riportare a punto le Gatte (2-6). Subito dopo Gicquel pesca il jolly al servizio, realizzando un punto diretto preziosissimo per le Gatte. Il successivo errore in battuta della francese è bissato da quello di Karakurt (4-7). Kuznetsova serve fortissimo e per Signorile è facile appoggiare a terra la ricezione difficoltosa delle ospiti (5-7). Degradi torna ad attaccare in modo vincente poco dopo, siglando il punto del 6-8. Le padroni di casa riescono a riportarsi a -1 grazie al fortunoso ace di Signorile, e raggiunge di nuovo la parità grazie al pallonetto di Gicquel (9 pari). La stessa francese attacca in maniera devastante su Karakurt poco dopo, regalando a Cuneo il 10-9. La turca si rifà subito a muro. Hancock realizza un nuovo ace per il nuovo vantaggio delle igorine 10-11, ma manda fuori il servizio successivo. Squarcini in primo tempo ribalta nuovamente il punteggio (12-11). Prima un fallo cuneese in attacco e poi un ottimo attacco di Daalderop riportano le ospiti davanti, immediatamente raggiunte però dall’attacco vincente di Kuznetsova. Il copione momentaneo della sfida vede le due squadre ribaltare reciprocamente il punteggio, fronteggiandosi punto a punto. Strepitosa la diagonale di Kuznetsova, che vale il 15 pari. Entrano Agrifoglio e Zanette per Gicquel e Signorile. Novara si riporta in vantaggio ma Stufi in primo tempo ristabilisce la parità. La stessa centrale toscana poi va in battuta e realizza il suo primo ace nell’incontro (17-16). È strepitosa, nella difficoltà della costruzione, l’azione che porta al punto del 18-17 firmato in lungolinea da Zanette. Hancock sbaglia ancora il servizio permettendo a Cuneo di riportarsi davanti (19-18). Subito dopo Squarcini alza la saracinesca, realizzando un preziosissimo monster block per le Gatte e un nuovo vantaggio di due punti per le cuneesi. Il fortunoso ace di Degradi (su svirgolata di D’Odorico) vale addirittura il +3 (21-18). La stessa Degradi forza nella battuta successiva, mandandola lunga. Rimedia all’errore subito dopo Squarcini in primo tempo (22-19). Dopo l’errore di Squarcini, sbaglia dai nove metri anche Chirichella (23-20). Kuznetsova passa in mezzo al muro ospite e regala a Cuneo tre set ball. Degradi chiude il frangente alla prima occasione con un grandissimo lungolinea dopo un’azione molto lunga e perfettamente orchestrata dalle Gatte. 25-21, 2-1 Cuneo e Gatte pienamente in partita.

Quarto Set

Novara parte forte con l’attacco vincente in primo tempo di Bonifacio. Ma subito dopo le ospiti mandano lungo il servizio, per l’1-1 biancorosso. Lo scambio successivo è di gran lunga il più avvincente visto finora, con Cuneo che salva l’impossibile ma poi deve arrendersi al muro di Stufi che termina fuori. Sul 3-2 per le igorine, Degradi sfodera una diagonale delle sue per il nuovo pareggio cuneese. Novara però reagisce e si riporta a +2. La risposta cuneese arriva con Gicquel che, prima con un super attacco e poi con un punto più fortunoso riporta il tabellone in equilibrio. La francese è ancora decisiva poco dopo, con un monster block che vale il nuovo vantaggio biancorosso, cui segue il secondo ace di serata per Alice Degradi. Nello scambio successivo, invece, il muro di Kuznetsova-Squarcini porta Cuneo sul +3 (8-5), con la toscana che si ripete subito dopo sempre a muro per il nono punto delle Gatte. Il fallo in attacco di Novara vale il 10-5 per le padroni di casa. Kuznetsova, dopo l’errore in battuta di Degradi, attacca forte in diagonale per l’11-6 cuneese. Strepitoso è anche il punto successivo, nel quale Gicquel pesca di potenza l’incrocio delle linee (12-6). Dopo un altro errore dai nove metri, questa volta di Squarcini, Stufi con una finezza in pallonetto firma il 13-7 in favore di Cuneo. Novara reagisce con un ottimo attacco centrale di Bonifacio in primo tempo. È ancora Stufi, di potenza dopo una difesa difficile di Novara a mettere a terra di prepotenza il quattordicesimo punto. Grande azione anche poco dopo, quando Degradi conclude in modo vincente un’azione magistrale delle biancorosse (15-8). Cuneo doppia per la terza volta le novaresi nello scambio successivo, con una grandissima diagonale vincente di Zanette. L’attacco successivo di Degradi viene sporcato fuori dal muro ospite per il 17-8. Rompe l’incantesimo Kuznetsova che alla quarta battuta manda in rete il servizio. Novara porta a casa anche lo scambio successivo con Karakurt. Zanette pesca ancora una volta l’incrocio delle linee pochi secondi dopo (18-10). Altro servizio a rete di Stufi: se Cuneo avesse sbagliato di meno dai nove metri la partita, forse, sarebbe già stata vinta. Ancora un grandissimo muro di Gicquel regala a Cuneo il 20-11. Le Gatte sono sfortunate poco dopo quando l’attacco ospite passa in mezzo a Degradi e Squarcini per il punto numero 12 delle igorine. Squarcini si rifà immediatamente realizzando in primo tempo il 21-12. Pesantissima anche la successiva diagonale vincente di Gicquel, semplicemente indifendibile per Karakurt (22-13). La stessa turca è l’ultima ad arrendersi per le novaresi, continuando ad essere tremendamente pericolosa in fase offensiva. Cuneo ritorna al punto grazie ad un servizio fuori delle ospiti (23-15). Il monster block di Signorile vale la bellezza di 10 match point contro le seconde in classifica in regular season. Il match si chiude alla prima con il grande attacco di Stufi. 25-15, 3-1 Cuneo, impresa storica e Gara 3 conquistata con assoluto merito da parte delle Gatte.