Quantcast

Una Cuneo immortale batte Busto al tie break e centra l’obiettivo settimo posto

Strepitosa vittoria al quinto set per la Bosca S.Bernardo, che aggancia il Bisonte Firenze al settimo posto (38 punti) e nei quarti dei playoff scudetto che partiranno sabato prossimo affronterà Novara.

È un finale di regular season degno della straordinaria stagione vissuta dalla Bosca S.Bernardo Cuneo quello che andato in scena al PalaSport di Cuneo contro la Unet e-work Busto Arsizio. Le Farfalle lombarde arrivano a Cuneo già certe del quinto posto in classifica e dunque con poco o nulla da perdere in termini di piazzamento playoff. Al contrario Cuneo necessitava di una vittoria per tentare l’assalto al settimo posto, occupato dal Bisonte Firenze.

E una vittoria è arrivata, soffertissima ed appassionante come tante di quelle maturate dalle Gatte nel corso della stagione che volge al termine. Dopo un primo set infinito, con una Bosca molto ben messa in campo che ha saputo mettere a segno trenta punti per superare le avversarie e un secondo set giocato forse ancora meglio dalle Gatte, che però hanno buttato all’aria ben cinque palle set perdendo il parziale, nel terzo set è venuta fuori l’esperienza delle lombarde e sono riemerse alcune vecchie lacune delle cuneesi, soprattutto in fase difensiva. Il quarto set con il sestetto “sperimentale”, con Agrifoglio e Zanette al posto di Signorile e Gicquel, vinto da Cuneo grazie ad una prova da MVP da parte della stessa Zanette, ha consentito alle cuneesi di rinnovare le speranze di aggancio al settimo posto, complice la sconfitta 3-1 del Bisonte nel derby con Scandicci. Speranza che si è tramutata in realtà con la strepitosa vittoria al tie-break da parte delle biancorosse, che hanno così potuto raggiungere al settimo posto le fiorentine con 38 punti in cascina. Missione compiuta, dunque, e avversaria dei quarti di finale playoff Novara e non Conegliano, come prima di stasera.

Un risultato straordinario ma assolutamente legittimato sul campo da parte delle Gatte, autrici di una stagiona maiuscola sotto tutti i punti di vista e ora determinate a giocarsi i playoff per concludere la stagione senza rimpianti. Le stesse impressioni confermate da Agrifoglio e Zanette, due inaspettate protagoniste di questa sera e da coach Pistola al termine del match.

Coach Pistola sceglie Kuznetsova e Degradi in banda, Stufi e Squarcini centrali, Gicquel opposta, Signorile in cabina di regia e Spirito libero.

Coach Musso risponde con Gray e Ungureanu (S), Olivotto e Stevanovic (C), Mingardi (O), Mayer (P) e Zannoni (L).

Cronaca

Primo Set

Cuneo parte subito forte con Sofya Kuznetsova, che prima serve potente e poi realizza il primo punto dell’incontro servita al centro dalla seconda linea da Signorile. Busto pareggia subito con Stevanovic, ma Cuneo si riporta in vantaggio grazie alla prima diagonale vincente di Degradi. Sul 2 pari, Squarcini si traveste da Stufi e mette a terra un’ottima fast orchestrata da Signorile. Ancora Squarcini, questa volta di rabbia dopo un campanile alzato dalla difesa lombarda, mette a terra il punto del 4-3. Kuznetsova è fortunata sul 4 pari, quando il suo attacco lungolinea passa tra le mani del muro ospite e finisce a terra. Match che in questa fase vede le due squadre fronteggiarsi punto a punto, almeno fino a quando Stufi non realizza il primo break della serata portando Cuneo sul 7-5. Sul 9-8 problemi in fase di ricezione nella metà campo cuneese con Kuznetsova e Busto riaggancia le padroni di casa. Degradi però attacca di nuovo forte in diagonale sull’ex Zannoni e permette il nuovo vantaggio per le Gatte. Sull’11-10 lungo e combattutissimo scambio con ottimi salvataggi da una parte e dall’altra, concluso dal chirurgico pallonetto di Alice Degradi. Gicquel attacca per la prima volta come ha abituato il pubblico cuneese in questo campionato sul 12-11, portando nuovamente Cuneo sul +2. Vantaggio che diventa di tre punti poco dopo con l’attacco indomabile dal centro di Degradi. Busto prova a ricucire il distacco con due punti consecutivi, realizzati con relativa facilità. Kuznetsova però non ci sta e riporta Cuneo davanti di due (15-13). Busto però alza il livello della propria difesa e con un errore a servizio di Gicquel prima e un monster block poi si riporta in parità. Un punto d’astuzia di Signorile di seconda e un ottimo attacco lungolinea di Degradi ristabiliscono le distanze per le Gatte. Musso chiama il secondo timeout dopo l’attacco fuori di Mingardi (18-15). Un altro punto mostruoso di Degradi, dopo l’errore a servizio di Kuznetsova, porta il punteggio sul 19-16. Busto si rifà sotto, grazie anche ad una grande lettura di Stevanovic che trasforma in schiacciata il tentativo di pallonetto della solita Degradi. L’equilibrio continua però a regnare sovrano, con Busto che riesce ad agguantare nuovamente il pari (20-20). Le ospiti riescono addirittura a riportarsi in vantaggio dopo una vita con una super murata sull’attacco di Kuznetsova (21-22). Sqarcini in primo tempo però ristabilisce la parità. La stessa Squarcini subito dopo forza la battuta che si spegne lunga sul fondo (22-23). Il salvataggio miracoloso di Mingardi non può impedire che, in seconda battuta Kuznetsova attacchi in modo vincente il punto del 23 pari, seguito dal muro cuneese che vale il set point (24-23). Il primo punto decisivo è annullato da un mani fuori della solita Mingardi, ma subito dopo Ungureanu spara fuori l’attacco che vale il nuovo set point da parte di Cuneo, ancora una volta annullato da un grandissimo punto di Mingardi (25 pari). Dopo un salvataggio miracoloso di Spirito, lo scambio successivo è deciso dalla fast di Signorile-Stufi (26-25). Ancora una volta le ospiti con un po’ di fortuna riescono a ricucire lo svantaggio. Subito dopo Ungureanu serve forte e le lombarde chiamano il videocheck a seguito del punto assegnato a Cuneo dall’arbitro. Il verdetto è confermato (27-26), ma le Farfalle anche stavolta riescono a evitare di perdere il parziale. Set infinito al PalaSport di Cuneo. Cuneo prova un nuovo strappo con un nuovo strepitoso attacco di Degradi, ma ancora una volta le avversarie, con una grande dose di fortuna, pareggiano (28 pari). Gicquel ricompare in un momento decisivo, mettendo a terra il 29esimo punto cuneese. A questo punto Squarcini serve come sempre in modo molto insidioso, la ricezione lombarda non è ottima e per Stufi è un gioco da ragazzi mettere a terra il punto decisivo. 30-28 e 1-0 Cuneo, dopo un set a dir poco eterno.

Secondo Set

Cuneo che riparte subito con la collaudatissima fast vincente Signorile-Stufi, dopo una ricezione complicata su grande servizio di Ungureanu. Busto raggiunge subito il pari. Gicquel prova a tornare decisiva come non è riuscita ad essere nel primo set, mettendo a segno di forza il punto del 2-1. Sul 3-2 Kuznetsova salva molto bene sull’attacco ospite ma non riesce a ripetersi e le Farfalle raggiungono il pari. Ospiti che passano in vantaggio poco dopo con il primo ace dell’incontro, letteralmente regalato dalle cuneesi con Degradi e Kuznetsova che non si capiscono e si scontrano. Sul 5-4 per le ospiti sale nuovamente in cattedra Gicquel con il suo classico punto forte e centrale. Sul 7 pari Kuznetsova mette a dura prova la difesa di Busto a servizio e sull’attacco successivo delle ospiti è decisivo il muro di Degradi, che vale il vantaggio cuneese. Ancora in auge il grande equilibrio che ha caratterizzato il primo parziale con nessuna delle due squadre che riesce a scappare. Cuneo realizza il primo break del set con il monster block di Gicquel, che vale l’11esimo punto biancorosso, seguito a ruota libera da un altro grande muro (12-9). Degradi attacca ancora fortissimo al rientro in campo dopo il tiebreak e realizza il primo tentativo di fuga delle padroni di casa in questo spezzone di match. Gicquel prima e Kuznetsova poi, dopo un punto ospite portano Cuneo a +5 (15-10). Ancora un grave errore in ricezione di Kuznetsova vale il punto numero 12 per le Farfalle. Dopo un’altra azione poco brillante delle sue, che riporta Busto a -2, coach Pistola chiama il suo primo timeout. Al rientro in campo Busto realizza ancora un punto ma subito dopo Gicquel e Stufi (di forza dopo un errore in ricezione) riportano serenità nella metà campo biancorossa (17-14). Sul 18-15 Gicquel batte forte complicando terribilmente la ricezione di Busto che infatti spedisce il pallone direttamente fuori, per un punto inìmportantissimo per le Gatte. Cuneo in questa fase è quasi impermeabile nei confronti degli attacchi ospiti, con Busto che infatti rischia e manda direttamente fuori uno dei propri attacchi, regalando un nuovo +5 alle padroni di casa (20-15). Poco dopo il videocheck non sorride alle cuneesi e permette alle lombarde di portarsi sul 17-21. Nello scambio successivo ancora un occhio di falco sfortunato per le Gatte, che riscontra come non ci sia stato il tocco del muro sull’attacco di Gicquel. Busto ora è a -2 (20-18). Mingardi, una volta tanto, serve out, consentendo a Cuneo di respirare un po’. Un grandissimo pallonetto di Stufi consente a Cuneo di riportarsi di nuovo sul +3 (22-19). Dopo un altro punto delle lombarde, Degradi attacca di nuovo fortissimo il punto del 23-20 e subito dopo si ripete con un altro pallonetto precisissimo, regalando a Cuneo quattro palle set. Busto riesce ad annullare la prima nonostante un tentativo di salvare il pallone da parte di Degradi. La stessa Degradi cestina la seconda possibilità mandando ampiamente fuori un attacco in diagonale (24-22). Ancora grandi problemi in fase di ricezione nella metà campo cuneesi portano il punteggio sul 24-23. Busto è caparbia anche nello scambio successivo e riesce ad annullare anche il quarto set ball. Con un ottimo attacco di Gray, le lombarde si portano addirittura in vantaggio e subito dopo con un mani-fuori di Degradi chiudono il set 26-24. 1 a 1 e secondo set buttato via da una Cuneo molto ben messa in campo.

Terzo Set

Cuneo che parte subito alla grande con un monster block in solitaria da parte di Squarcini. Dopo il pareggio delle ospiti, Degradi comincia nuovamente a martellare in diagonale la retroguardia ospite. Cuneo fortunata sullo scambio successivo quando l’attacco di Kuznetsova è sporcato fuori da un impercettibile tocco a muro delle lombarde (3-1). Cuneo però non riesce a prendere il largo e viene raggiunta sul 4 pari da un monster block ospite su Gicquel. Le lombarde si portano anche avanti con un grande attacco dell’ex Ungureanu (4-5). La rumena comincia a schiacciare forte in molte occasioni e riesce a portare le sue compagne sul +3 (4-7). Cuneo riesce nuovamente a mettere a terra un punto dopo una serie di scambi stregati con un gran diagonale di Gicquel. Continuano però i problemi in fase di ricezione, soprattutto da parte di Kuznetsova, che facilitano la vita alle avversarie, che si riportano a distanza di sicurezza (5-9). Cuneo molto confusionaria in questa fase. Busto riesce a macinare punti fino al +5 (7-12) soprattutto grazie ad Adelina Ungureanu, assolutamente anonima fino a questo punto del match ma in questo spezzone semplicemente incontenibile dalla difesa cuneese, perfino dai nove metri. Anche quando riesce ad imbastire un’azione offensiva, Cuneo non riesce ad essere lucida per capitalizzare, come dimostra il pallone spedito clamorosamente fuori da Kuznetsova che vale il 13-7 per le ospiti. L’ingresso di Giovannini e Jasper al posto di Degradi e Kuznetsova, riporta un po’ di equilibrio nella metà campo biancorossa, anche se non si può parlare di un vero e proprio tentativo di rimonta, quanto di punti sporadici (15-10). In particolare è l’olandese ad entrare in campo con la giusta mentalità, mettendo a terra un paio di palloni preziosissimi per le Gatte. Le lombarde, però, riescono a riportarsi nuovamente a distanza di sicurezza con relativa facilità (12-18). Nemmeno il videocheck riesce a risollevare le cuneesi, regalando il punto del 19-13 alle ospiti. Entrano in campo Agrifoglio e Zanette al posto di Signorile e Gicquel. Proprio Zanette mette subito a segno il punto del 14-20. Gli unici lampi di vera Bosca continua a regalarli Stufi con le sue fast, ora orchestrate da Agrifoglio. Da segnalare il solito ottimo ingresso in campo di Zanette, che sia in attacco che a muro è spesso pericolosa per le ospiti. Busto è anche fortunata nello scambio che vale il 23-17, quando dopo una difesa caparbia delle cuneesi, Agrifoglio e Zanette non si capiscono e lasciano cadere il pallone sul più bello. Busto mette a terra anche il punto numero 24, regalandosi sei palle set. La prima è annullata da un ottimo attacco in diagonale di Jasper (19-24). Buona, invece, la seconda, messa a terra di forza da Gray dopo un miracoloso salvataggio di Agrifoglio. 19-25, 2-1 per Busto, in un set molto sottotono per Cuneo.

Quarto Set

Match che ricomincia da dove si era interrotto, con il punto di Gray. Non si fa attendere, però la risposta cuneese, con un perfetto attacco di Zanette, seguita dal muro di Squarcini, dopo un nuovo salvataggio assurdo di Spirito, sempre l’ultima ad arrendersi. Dopo un ottimo punto di Squarcini, un fallo in attacco non permette ad Agrifoglio di siglare il suo primo punto nel match. Si sblocca anche il conto degli ace biancorossi con il servizio vincente di Squarcini che vale il 5-3. Subito dopo un altro grande punto di Mingardi e un monster block di Olivotto valgono il nuovo pareggio per le ospiti. Busto riesce a riportarsi anche in vantaggio, quando Stevanovic mette a segno il punto del 6-7. Ancora una super fast di Stufi consente a Cuneo di portarsi nuovamente a -1 (7-8). Una nuova grande diagonale di Degradi consente a Cuneo di riagguantare le lombarde sul 9 pari. Lunghissimo lo scambio che vale l’11 pari per Cuneo, sopo un fallo in fase difensiva delle Farfalle, seguito da uno strepitoso attacco di Squarcini, impossibile da domare per Zannoni. Due punti consecutivi di Squarcini consentono a Cuneo di riportarsi sul +2 (13-11). Degradi subito dopo attacca forte sul muro che manda la palla out per il 14esimo punto biancorosso. Punti che diventano 15 (contro gli 11 di Busto) grazie al monster block della stessa Degradi nello scambio successivo. Dopo un lunghissimo scambio all’insegna della grande pallavolo Zanette schiaccia a terra il punto del 16-13 per Cuneo. A questo punto esce Degradi per lasciare il suo posto a Giovannini. Ancora Zanette, con lo stesso tipo di punto, mette a segno il punto del 17-14, seguita a ruota da Stufi, dopo un ace sfiorato da Squarcini. Zanette sale nuovamente in cattedra sul punto che vale il 19-15. Il ventesimo punto è invece di nuovo firmato da Stufi (20-15). È ancora Zanette a schiacciare fortissimo per il punto del 21-16 Cuneo. Cuneo ora è più sciolta in campo, forse anche a causa della sconfitta per 3-1 di Firenze, agganciabile in classifica con una vittoria da due punti. Partecipa alla festa anche Gaia Giovannini, che stampa a terra il punto del 23-18. Busto prova a rifarsi sotto (23-20) e Pistola chiama immediatamente il timeout. Squarcini mette a terra, complice una difesa non impeccabile di Busto, il punto del 24-20. Quattro set ball a disposizione delle Gatte. Cuneo non riesce a sfruttare le prime due, con Busto estremamente sfortunata che riesce a portarsi sul -2 (24-22). Al terzo tentativo, l’attacco delle ospiti va lungo e Cuneo chiude sul 25-22 portando la sfida al tie-break.

Quinto Set

Gray comincia il tie-break mandando a rete il suo attacco e subito dopo pareggiando facilmente i conti. Stevanovic sbaglia il servizio e Cuneo ritorna a condurre (2-1). Degradi prova a forzare in battuta ma il pallone va lungo. Fortunatissime le ospiti sul successivo attacco di Squarcini, che fortuitamente ritorna nella metà campo biancorossa e consente alle lombarde di passare in vantaggio. Il pareggio lo firma Jasper in lungolinea (3 pari). L’azione successiva, molto ben organizzata dalle cuneesi, termina con un attacco fuori di Zanette. Il servizio sbagliato dalle ospiti riporta il punteggio sul 4 pari. Ancora Jasper e ancora in lungolinea, consegna a Cuneo il punto del 5-4. Dopo il nuovo pareggio ospite, la fast di Stufi sentenzia il 6-5 per le padrone di casa. A questo punto Busto riesce a mettere a terra, con non poca fortuna, il suo primo break nel set, riportandosi in vantaggio (7-6) ma venendo immediatamente raggiunta dalle Gatte grazie ad un attacco mandato a rete. Un pallonetto chirurgico di Stevanovic manda le squadre al cambio campo con Busto avanti 8 a 7. Una brutta ricezione delle Gatte consente alle lombarde subito dopo il ritorno in campo di mettere a terra facilmente il nono punto e il +2 su Cuneo. Degradi passa in mezzo alle mani del muro ospite e mette a terra l’8-9. Ancora Stevanovic, però, riporta le Farfalle a +2 (8-10). Squarcini in primo tempo regala il nono punto alle Gatte. Zanette di potenza, dopo un fortissimo servizio di Degradi, riporta il punteggio in parità (10 pari). Il secondo servizio della numero due va fuori non di molto, con la schiacciatrice che lascia spazio a Giovannini. L’attacco ospite di Gray va fuori e coach Musso chiama l’occhio di falco, che conferma la decisione dell’arbitro (11-11). L’ace di Squarcini vale il sorpasso delle padrone di casa e una boccata d’ossigeno incredibile per le Gatte. Squarcini ci riprova ma il pallone scivola via lungo (12-12). Zanette passa tra le mani del muro e Zannoni non riesce ad evitare il 13-12 cuneese. La stessa Zanette, però, manda in rete la successiva battuta. Il nuovo vantaggio cuneese, con annesso match point, è realizzato da Stufi, con un elegantissimo pallonetto (14-13). Musso chiama timeout per spezzare il ritmo delle Gatte. È ancora Zanette a mettere a terra il punto del 15-13, che vale la vittoria al quinto set per le Gatte e la conquista del settimo posto.