Quantcast

“Un italiano su quattro ha scelto di mettersi in viaggio per le festività di Pasqua”

Coldiretti evidenzia "Positivo primo banco di prova della ripresa del turismo. Dati incoraggianti per l’agriturismo Made in Cuneo"

Quasi un italiano su quattro (23%) ha scelto di mettersi in viaggio per una vacanza approfittando delle festività di Pasqua e del vicino ponte del 25 aprile. È quanto emerge da un’analisi Coldiretti/Ixè che evidenzia il ritorno dei turisti dopo due anni di “fermo” dovuto ai lockdown e alle misure di restrizione per l’emergenza Covid che avevano quasi azzerato le presenze in alberghi e agriturismi, anche se non si è ancora tornati ai livelli pre pandemia. Proprio la Pasqua rappresenta dunque – rileva Coldiretti – il primo banco di prova della ripresa del turismo in Italia e sul nostro territorio.

Considerate le tensioni internazionali legate alla guerra in Ucraina, la meta preferita degli italiani resta il Belpaese, scelto dal 95% dei viaggiatori, di cui uno su tre resterà addirittura all’interno della propria regione di residenza, secondo l’indagine Coldiretti/Ixè. Si sta riaffacciando anche il turismo straniero, strategico per il settore, che i due anni di pandemia hanno gravemente penalizzato. Una boccata d’ossigeno per le strutture di accoglienza a partire dagli agriturismi che hanno perso nel 2021 il 27% delle presenze rispetto al periodo pre-pandemia, soprattutto per effetto del crollo degli stranieri – in Provincia di Cuneo particolarmente presenti nell’albese – ma anche degli italiani, secondo l’analisi di Terranostra e Coldiretti.

“Gli oltre 300 agriturismi della Granda sono al lavoro per accogliere gli ospiti e chi vuole trascorrere una giornata in campagna, approfittando della cucina dei cuochi contadini. Se la tavola con i patti stagionali e tipici resta la qualità più apprezzata, a far scegliere l’agriturismo è anche la riscoperta dei piccoli borghi e dei centri minori fra vallate e colline. Le nostre strutture offrono allo sguardo del visitatore la bellezza del paesaggio, le tradizioni e la cultura di un’agricoltura in armonia con la storia e l’ambiente” evidenzia Roberto Moncalvo, Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo.

“Per le nostre imprese agrituristiche – spiega Giuseppe Buttieri, Presidente di Terranostra Cuneo – le festività pasquali e i ponti di primavera sono un importante banco di prova per una concreta ripresa: siamo pronti ad accogliere al meglio i turisti offrendo la nostra cucina attenta alla stagionalità e alla valorizzazione delle eccellenze locali e i diversi servizi per sportivi, curiosi, ambientalisti, appassionati della cultura e del benessere. Oltretutto gli agriturismi di Terranostra Campagna Amica si distinguono per essere altamente qualificati grazie ai corsi periodicamente organizzati per i cuochi contadini e per l’ospitalità”.