Quantcast

Santo Stefano Belbo, tornano a “vivere” i vecchi mulini foto

“Passione e concretezza: sono questi gli elementi che fanno di una buona idea un grande progetto" ha commentato il sindaco Laura Capra

Santo Stefano Belbo. Continuano a pieno ritmo i lavori di valorizzazione e riqualificazione territoriale a Santo Stefano Belbo.

Il vecchio mulino di via Pistone rientra nel primo lotto del piano di sviluppo locale piano di sviluppo locale “un paese ci vuole”: il costo dei lavori ammonta a 180.000 euro, finanziati per 80.000 euro con fondi propri e per 100.000 con contributo ministeriale.

Il primo lotto è inserito in un progetto generale più ampio che prevede la rifunzionalizzazione dell’ex Scuola dell’Infanzia collegata alla ristrutturazione del Vecchio Mulino per attività museali espositive e didattiche, con lo scopo di realizzare un unico polo, concentrando diverse attività in due edifici storici adiacenti e direttamente collegati tra loro. All’interno dell’edificio del Mulino è anche prevista la realizzazione di un Museo Multisensoriale e di un’area ristorazione, adatta a ospitare anche attività di tipo ricreativo a carattere locale.

Il Comune di Santo Stefano Belbo potrà inoltre avvalersi di un sostegno pari a 100.000 euro per la realizzazione della Ruota del Mulino di Porta Soprana, grazie al prezioso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, che per celebrare il 30° anniversario dalla sua nascita ha selezionato 15 idee in tutta la provincia, sostenendo i progetti più significativi promossi dai Comuni che hanno fatto parte della sua storia fin dall’inizio, nel 1992. All’interno del padiglione espositivo è prevista una sezione interattiva dove il visitatore potrà interagire attivamente attraverso grandi mouse. Inoltre, grazie ai QR code, si potrà avere un reale scambio per una progettazione sempre più partecipata. Un sistema multimediale composto da 8 monitor da 65’’, proiettori e sistemi audio ad alta fedeltà garantirà la trasmissione dei contenuti che descriveranno le iniziative messe in campo dell’Amministrazione comunale, dalla Fondazione Cesare Pavese e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo. Esternamente verrà proposto un sistema scenografico con due colonne contenenti le frasi estratte dai libri di Cesare Pavese che sorreggeranno i proiettori per video mapping dedicati alla proiezione in notturna delle immagini sul fondale.

“Passione e concretezza: sono questi gli elementi che fanno di una buona idea un grande progetto – commenta il sindaco Laura Capra –. Attraverso il piano di sviluppo locale ‘Un paese ci vuole’, grazie a tutta la comunità santostefanese, la nostra Amministrazione comunale sta lavorando senza risparmiarsi, per raggiungere l’obiettivo di garantire una ricaduta economica, culturale e sociale per il nostro paese, valorizzando le nostre radici e la nostra identità”.

Fondazione CRC
Fondazione Cesare Pavese