Quantcast

Il Premio Ostana torna in presenza

Tra i premiati sarà presente Marine Lavigne, la cantante bretone che rappresenta la Francia a Eurovision

Il “Premio Ostana: scritture in lingua madre” è un appuntamento con le lingue madri del mondo che ogni anno riunisce a Ostana (CN), borgo occitano ai piedi del Monviso, autori di lingua madre da tutto il mondo – negli anni sono state ospitate 44 lingue da tutti e 5 i continenti – per un festival della biodiversità linguistica.

Dopo due edizioni “en partatge” (condivisione in occitano) organizzate online a causa della pandemia, il Premio Ostana torna in presenza: nella cornice della borgata Miribrart si torneranno quindi a sentire lingue vicine e lontane, per animare un confronto quanto mai attuale di riflessione sui diritti linguistici, con uno sguardo specifico a quali sono le idee e le azioni attualmente al servizio della tutela delle lingue madri. Non a caso, le Nazioni Unite hanno proclamato il Decennio Internazionale delle Lingue Indigene 2022-2032.

Il Premio Ostana torna in presenza, dunque, e lo fa da venerdì 24 a domenica 26 giugno, un fine settimana diverso rispetto all’abituale appuntamento a ridosso del ponte del 2 giugno ma con la struttura di sempre: incontri, dibattiti, letture, proiezioni per dare spazio a storie di resistenza e di attivismo, poesia, letteratura, traduzione, cinema e musica, che sarà più che mai protagonista della quattordicesima edizione. Per ricevere il Premio Musica 2022 arriverà infatti a Ostana la cantante bretone Marine Lavigne, fondatrice e componente del trio Ahez che, con Alvan, rappresenterà la Francia all’Eurovision di Torino.

Marine Lavigne è originaria di Douarnenez, nell’estremo ovest della Bretagna. Immersa nella lingua bretone fin dall’infanzia, scopre molto presto la passione per il canto di tradizione orale e per la scrittura in bretone, passione che la porta al Diwan di Carhaix (istituto che appartiene alla rete francese di scuole in lingua bretone), dove conosce Louise Ebrel, una delle grandi voci della Bretagna. Arricchita da questo incontro, Marine passa di fest-noz in fest-noz (tipiche feste bretoni con canti, musiche e danze tradizionali) e nel 2018 fonda con le compagne Sterenn Diridollou e Sterenn Le Guillou il trio Ahez. Nell’estate del 2021 il trio incontra il cantante e produttore Alvan a Rennes. Da qui nasce il sodalizio artistico che li ha portati a partecipare al programma di selezione del rappresentante francese all’annuale Eurovision Song Contest, con l’inedito Fulenn.

Il Premio Ostana ha deciso di conferire a Marine Lavigne il Premio Musica 2022 perché nonostante la sua giovane età ha già dimostrato grande consapevolezza e impegno nella divulgazione e valorizzazione della propria lingua di appartenenza. Il Premio Ostana, che l’aveva contattata prima che venisse annunciata la sua partecipazione a Eurovision, le riconosce dunque a maggior ragione la determinazione e il merito di portare una lingua di minoranza sul palco di uno degli eventi internazionali più seguiti, in rappresentanza di uno Stato nazionale.

Per la XIV edizione del Premio, dal 24 al 26 giugno a Ostana sarà possibile ascoltare, oltre al Bretone, anche occitanofriulanoaragonesecatalanotibetano. Non mancheranno, come sempre, gli incontri per riflettere su lingua, identità, e il futuro delle lingue madri.

Il programma completo sarà annunciato a maggio, e sarà costantemente aggiornato sul sito www.premiostana.it.
Gli incontri saranno come sempre gratuiti e organizzati nel rispetto delle normative sanitarie vigenti.