Quantcast

Il Buongiorno di Cuneo24

Nel 2013 Marc Marquez, sul suo amato circuito di Austin, diventava ufficialmente il più giovane vincitore di sempre nella classe regina

Cuneo. Il sole è sorto alle 6:32 e tramonta alle 20:26. Durata del giorno tredici ore e cinquantaquattro minuti.

Santi del giorno
Sant’Anselmo d’Aosta, vescovo e dottore della chiesa.
San Corrado (Giovanni Evangelista) Birndorfer da Parzham, cappuccino.
Sant’Apollonio di Roma, filosofo e martire.

Avvenimenti
1796 – Napoleone Bonaparte guida le sue truppe alla vittoria contro l’esercito sabaudo nella battaglia di Mondovì e si prepara a marciare verso Torino.
1942 – In Italia entra in vigore il nuovo Codice civile, segnando l’unificazione del diritto privato (unifica il precedente Codice civile del 1865 ed il Codice di commercio del 1882).
1989 – Nintendo lancia sul mercato il Game Boy. La console da viaggio più popolare della storia che per quasi un ventennio ha dominato la scena dei portatili per videogame. Per milioni di ragazzi di allora è stato un irresistibile passatempo a portata di tasca; gli stessi che oggi, da adulti, lo conservano come un cimelio che non passa mai di moda. Correva l’anno 1980 quando la Nintendo fece il suo esordio nel settore delle console portatili con la serie Game & Watch, ideata da Gunpei Yokoi, tra i migliori programmatori della casa giapponese. Prodotti per dieci anni, questi dispositivi apparivano lontani dal concetto di console portatile sviluppatasi successivamente, per via che supportavano un solo gioco e quindi non erano programmabili. Nel 1983 arrivò lo strepitoso successo del NES (che lanciò gli indimenticabili Super Mario Bros e The legend of Zelda), modello di punta della terza generazione di console fisse, grazie al quale l’industria dei videogames si risollevò dalla crisi. In questo arco di tempo Nintendo accantonò il settore dei portatili, decisa a riprenderlo in un secondo momento. Difatti, sei anni dopo l’uscita del NES, il team guidato da Gunpei Yokoi si rimise al lavoro per partorire un prodotto vincente. Partendo dai limiti del Game & Watch, si mise a punto un dispositivo con processore a 8 bit che supportava memorie intercambiabili, dette cartucce, su cui erano memorizzati i giochi. Era dotato inoltre di schermo a cristalli liquidi, con varie tonalità di grigio su fondo verde, e dell’innovativa croce direzionale (ideata da Yokoi) per spostarsi facilmente in tutte e quattro le direzioni. Le quattro batterie a stilo assicuravano 36 ore di gioco. La durata garantita, il prezzo accessibile (12.500 yen, equivalenti a 94 dollari di allora) e la dotazione base di Tetris, il più amato puzzlegame di sempre, si rivelarono i punti di forza del Game Boy. Sicché, all’uscita nei negozi giapponesi il 21 aprile del 1989, andò letteralmente a ruba. Negli USA il milione di unità disponibile si esaurì in poche settimane. Se la prima versione in grigio aveva sbancato, non meno apprezzate furono le successive versioni Color. Cominciò così la “generazione Game Boy” che in quasi vent’anni portò a un totale di 118 milioni di console vendute! Un record mai raggiunto in precedenza e che permise al Game Boy di stare davanti a concorrenti forniti di tecnologia più avanzata, come l’Atari Lynx e il Game Gear della Sega.
2004 – Israele: rilasciato dopo 18 anni di prigionia Mordechai Vanunu, reo di aver svelato alla stampa l’esistenza di una centrale nucleare israeliana segreta, in cui aveva lavorato.

Nati in questo giorno
Gino Strada (1948/2001) – Figura storica della medicina umanitaria e del pacifismo italiano, è lo storico fondatore della ONG Emergency, con cui è impegnato a portare cure mediche nei teatri di guerra e nelle aree più povere del pianeta. Nato a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, durante gli studi universitari è attivista del “Movimento Studentesco”, organizzazione extraparlamentare di sinistra diffusa negli atenei italiani tra i primi anni Sessanta e il 1976. Laureatosi in Medicina e specializzatosi in chirurgia traumatologica, dal 1989 al 1994 entra a far parte del Comitato Internazionale della Croce Rossa, prestando soccorso in diverse zone colpite dalla guerra. Quest’esperienza rafforza il suo netto rifiuto della guerra, ispirando l’idea di dar vita a una nuova associazione umanitaria. Così una sera di maggio del 1994, insieme alla moglie Teresa Sarti e altri colleghi fonda Emergency, reclutando medici, infermieri ed esperti di logistica e raccogliendo i fondi necessari per la prima missione in Ruanda. Premiato nel 2001 con il Colombe d’Oro per la Pace e nominato “cittadino onorario” di diversi comuni (tra cui Empoli e Montebelluna), la tenacia con cui difende la pace lo porta spesso a scontrarsi con le Istituzioni italiane e i governi stranieri, denunciando l’aumento continuo delle spese militari. Candidato alla Presidenza della Repubblica dal Movimento 5 Stelle nel 2013, nello stesso anno partecipa alla celebre “notte degli Oscar” in quanto protagonista del documentario Open Heart di Kief Davidson, nominato per il “miglior cortometraggio documentario”. Nel 2015 è il primo italiano a ricevere il Right Livelihood Award, assegnato dal Parlamento svedese (alla vigilia del Nobel per la Pace) a coloro che s’impegnano per una società migliore e un’economia più giusta. Sofferente da tempo di problemi cardiaci, muore il 13 agosto 2021 a Rouen, in Francia.
Elisabetta II – Personaggio tra i più influenti della politica mondiale, con settant’anni di regno è la più anziana sovrana britannica di tutti i tempi. Da ottobre 2016 detiene il primato di Capo di Stato in carica da più tempo. Nata a Londra da re Giorgio VI e dalla regina Elisabetta, Elizabeth Alexandra Mary sale a 26 anni sul trono del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, in seguito alla scomparsa del padre (6 febbraio 1952). Con il titolo di “regina” assume il ruolo di Capo del Commonwealth, governatore supremo della Chiesa d’Inghilterra e comandante in capo delle forze armate. Entrata in scena nella difficile fase di tramonto dell’Impero britannico, negli anni consolida il suo consenso nell’opinione pubblica, superando le spinte autonomiste di Irlanda e Scozia e instaurando rapporti di buona collaborazione con i 14 primi ministri che si avvicendano durante il suo regno, in particolare con Winston Churchill, Margaret Thatcher e Tony Blair. Moglie di Filippo Mountbatten e madre di Carlo, Anna, Andrea ed Edoardo, è con la morte di Lady Diana, moglie del primogenito, che vede la propria immagine offuscata per la risaputa ostilità che nutriva verso la nuora. Quarta tra i sovrani che hanno regnato di più nella storia, nel 2013 riceve un premio onorario BAFTA per il suo patrocinio dell’industria cinematografica. Il 9 aprile 2021 è morto il marito a due mesi dal compimento dei 100 anni. Compie 96 anni.

Eventi sportivi
2013 – Marc Marquez, sul suo amato circuito di Austin, diventava ufficialmente il più giovane vincitore di sempre nella classe regina.

Proverbio/Citazione
Aprile e Maggio son la chiave di tutto l’anno.
“Una promessa è un impegno, è il mettersi ancora in corsa, è il non sedersi su quel che si è fatto” Gino Strada