Quantcast

Fossano, lunedì la presentazione del libro “Tre metri quadri” a cura dei Radicali cuneesi

Il volume, scritto dal consigliere regionale del Lazio Alessandro Capriccioli, descrive in forma narrativa le condizioni dei detenuti e del personale delle carceri italiane, questione da sempre molto a cuore per i Radicali.

Continua la sensibilizzazione dell’Associazione Radicali Cuneo – Gianfranco Donadei in merito alla situazione di detenuti e personale nelle carceri della Granda e non solo. Lunedì 11 aprile, infatti, a Fossano, i radicali cuneesi presenteranno il libro “Tre metri quadri” scritto dal consigliere regionale del Lazio Alessandro Capriccioli.

Il volume si propone di raccontare sotto forma narrativa le principali esperienze vissute dall’autore in svariate visite nelle principali case circondariali del Lazio e non solo, dove ha denunciato diverse criticità nelle condizioni di vita dei detenuti e in quelle di lavoro del personale delle prigioni. Una battaglia contemporaneamente portata avanti anche dai Radicali cuneesi, che negli scorsi mesi hanno potuto visitare le carceri della Granda denunciando numerose lacune, tra cui soprattutto l’assenza di docce nelle celle (obbligatorie per legge) in diversi istituti carcerari, come sostenuto dall’Associazione Gianfranco Donadei nel suo report dello scorso dicembre. Una situazione spesso oscura per la società a causa dell’insufficiente informazione dei media e del silenzio delle istituzioni. Il libro di Capriccioli raccoglie le impressioni e le criticità riscontrate in oltre quaranta visite nelle case circondariali nell’arco di quattro anni. Una situazione spesso critica, comune a tutto il sistema carcerario italiano, e quindi certamente d’interesse anche per il pubblico cuneese.

L’evento si terrà a partire dalle 17 presso Palazzo Sacco, in Via Cavour 33 a Fossano. Oltre all’autore, interverranno nella presentazione del volume Igor Boni, presidente dei Radicali Italiani e Filippo Blengino, segretario dell’Associazione Radicali Cuneo, che discuteranno assieme a Capriccioli su questo tema caro a tutti.