Quantcast

A Mondovì si celebra il XXV Aprile per non dimenticare la Libertà

Omaggio ai caduti e scoprimento della Targa in memoria dell’incursione nazi-fascista del 28 agosto 1944 nelle campagne di Mondovì Rifreddo dove fu ucciso il contadino Giovanni Bruno scambiato per un partigiano

Mondovì. Dopo due anni di pausa forzata, Mondovì torna a celebrare in presenza il 25 Aprile, anniversario della Liberazione.

Una data che è parte essenziale della nostra storia e che rappresenta una tappa fondamentale nel lungo e complesso percorso di affermazione della democrazia.

Una data che mantiene immutato il suo significato, anno dopo anno e rappresenta, anzitutto, memoria riconoscente di un periodo storico che, grazie al sacrificio di tanti, ha permesso la formazione di una nuova Italia, capace di guardare al futuro con rinnovata speranza. Ma costituisce anche opportunità per ribadire i valori fondanti di Pace, Giustizia e Libertà e per ispirare, soprattutto alle nuove generazioni, crescenti forme di partecipazione all’Amministrazione pubblica, aumentando in loro i sentimenti di affetto ed attaccamento alle Istituzioni. 

Non dunque, una semplice ricorrenza, ma Festa di una comunità unita, coesa e consapevole che quel grande dono, ricevuto 77 anni fa, è un patrimonio di principi e diritti da costruire e tutelare ogni giorno.

IL PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI  

Lunedì 25 Aprile 

La mattinata si aprirà alle ore 9.00, con la celebrazione della Messa nella chiesa di Sant’Agostino, in piazza Monsignor Moizo. A seguire, partenza del corteo per le vie cittadinie. Il corteo percorrerà via Piandellavalle, piazza Santa Maria Maggiore, via Prato e corso Statuto, fino a raggiungere il Palazzo Municipale, dove si procederà alla deposizione di corona commemorativa presso le lapidi poste all’esterno dell’edificio.

Alle 10.15 il corteo ripartirà in direzione piazza della Repubblica – attraverso corso Statuto e ponte Cavalieri d’Italia – dove si procederà alla deposizione di corona al “Monumento ai Caduti“.

Alle 10.30, il corteo proseguirà percorrendo via Einaudi, via della Cornice e via Delvecchio sino a raggiungere il monumento dei Morti per la Libertà“, presso lo Scalone, dove, dopo la deposizione di corona commemorativa, si terrà l’orazione ufficiale del Prof. Stefano Casarino e interverranno le autorità presenti. In caso di maltempo, dopo la Messa la cerimonia ufficiale si terrà presso l’area mercatale di Piazza Ellero e la deposizione di corone sarà effettuata da una delegazione.

Alle ore 16.00, a Rifreddo, scoprimento della Targa in memoria dell’incursione nazi-fascista del 28 agosto 1944 nelle campagne di Mondovì Rifreddo dove, il 28 agosto 1944, venne barbaramente colpito e ucciso il contadino innocente Giovanni Bruno, ivi nato il 13 ottobre 1907, scambiato per un partigiano.   

Sabato 30 Aprile 

Alle ore 10.00, al memoriale situato nel Giardino Salvo D’Acquisto, a Piazza, si svolgerà la commemorazione del martire delle Fosse Ardeatine e l’eroico Vice Brigadiere dell’Arma promosso dalla Onlus Col. Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo. Interviene il Prof. Stefano Casarino.