Quantcast

Venasca, il Comune dona 31 computer portatili alla scuola

Saranno utilizzati dagli studenti venaschesi che frequentano le tre classi della Scuola Secondaria di primo grado: l’intento principale è quello di venire incontro alle famiglie in questa difficile situazione legata alla pandemia e consentire ai ragazzi la possibilità di mantenere una certa continuità didattica nei casi in cui si debba ricorrere alla DAD

Venerdì 14 gennaio una delegazione del Comune di Venasca, composta dal Sindaco Silvano Dovetta, dal Vice Sindaco Giampiero Gianaria e dall’assessore Francesco Di Manso, ha consegnato 31 notebook ai ragazzi venaschesi della Scuola Secondaria di primo grado locale.

«Quando il difficile momento che avevamo vissuto stava per finire ecco che purtroppo il virus con la nuova variante ci ha di nuovo colpiti – dichiara il Sindaco Silvano Dovetta –. I ragazzi in particolar modo hanno subito i contraccolpi di questa nuova ondata del Coronavirus e stiamo assistendo di nuovo al fatto che alcune classi finiscano in DAD. Pertanto ho portato all’attenzione della Giunta, dopo un’attenta valutazione sulle esigenze scolastiche del momento condivisa con il Dirigente Scolastico prof. Davide Martini, la necessità di intervenire in qualche modo. Si è così deliberato di acquistare 31 notebook da consegnare in comodato gratuito ai ragazzi venaschesi che frequentano le tre classi della Scuola Media».

I computer saranno utilizzati dagli studenti venaschesi che frequentano le tre classi della Scuola Secondaria di primo grado: l’intento principale è quello di venire incontro alle famiglie in questa
difficile situazione legata alla pandemia e consentire ai ragazzi la possibilità di mantenere una certa continuità didattica nei casi in cui si debba ricorrere alla DAD, la cosiddetta didattica a
distanza. La consegna agli studenti, avvenuta a sorpresa, ha suscitato notevole apprezzamento e soddisfazione. Congedandosi dai ragazzi, il sindaco si è raccomandato di continuare ad impegnarsi negli studi, augurando a tutti che questo triste periodo finisca presto. «Devo dire che è stato un bel momento che abbiamo vissuto insieme agli studenti e al Dirigente Scolastico. È stato soprattutto un momento di incontro e di confronto proficuo ed anche di supporto e di vicinanza tra l’Amministrazione e i nostri giovani studenti che stanno vivendo sicuramente un periodo difficile ed incerto», conclude Dovetta.