Quantcast

Rissa a Camerana, in quattro non potranno più accedere ad aree pubbliche

"Daspo Willy" in seguito a una violenta rissa all’interno di un locale pubblico con il lancio reciproco di piatti, bicchieri e divisori di plastica

Il Questore della Provincia di Cuneo dottor Nicola Parisi si è espresso in merito all’emissione di quattro misure di prevenzione personale, impedendo a quattro soggetti, responsabili di un’aggressione e una seguente rissa nello scorso mese di agosto a Camerana. Nella fattispecie sono stati comminati ai quattro responsabili altrettanti “Daspo Willy“, provvedimenti che impediscono l’accesso a determinate aree pubbliche (soprattutto locali) a seguito di comportamenti violenti pregressi all’interno degli stessi.

L’episodio in questione ha avuto luogo nel pomeriggio dello scorso 28 agosto a San Giovanni Belbo, nel comune di Camerana, quando quattro persone si sono rese responsabili di una violenta rissa all’interno di un locale pubblico con il lancio reciproco di piatti, bicchieri e divisori di plastica (in tale frangente un soggetto ha riportato la frattura delle ossa nasali con prognosi di 25 giorni), ritenendolo di grave entità.

A seguito del provvedimento del Questore, i quattro partecipanti alla rissa – considerati pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica – non potranno avere accesso o stazionare nelle immediate vicinanze di quel locale e a tutti i bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari del comune di Camerana, in località San Giovanni Belbo, per un periodo compreso tra 12 e 18 mesi, pena, in caso di accertata violazione, la reclusione da sei mesi a due anni e la multa da 8000 a 20000 euro.