Quantcast

Piemonte, in arrivo tampone gratuito per uscire da isolamento e quarantena

La Regione inoltre si conferma al secondo posto delle Regioni italiane per l’uso degli anticorpi monoclonali. "È un’opportunità importante, perché consente di affrontare il virus in modo attivo, senza aspettare l’aggravarsi del quadro clinico del paziente" hanno affermato Cirio e Icardi

La Regione Piemonte ha deliberato che, da lunedì 17 gennaio, i tamponi, inclusi quelli antigenici rapidi effettuati nelle farmacie e nelle strutture private, necessari per l’uscita da isolamento e quarantena, saranno gratuiti.

E’ quanto stabilito nella riunione all’Unità di crisi nella giornata di ieri, lunedì 10 gennaio.

Altra nota positiva della nostra Regione è il secondo posto delle Regioni italiane per l’uso degli anticorpi monoclonali. Infatti in questa quarta ondata il Piemonte, nonostante un numero di casi positivi molto più alto rispetto alle ondate passate, sta registrando un livello di ospedalizzazione notevolmente più contenuto. Un risultato frutto certamente della campagna vaccinale, ma anche della capacità del territorio di curare a domicilio i pazienti Covid con un quadro clinico non grave.

Insieme al protocollo delle cure domiciliari e ai vaccini gli anticorpi monoclonali forniscono al Piemonte un’arma in più contro covid-19 nella fase precoce della malattia.

Nella settimana dal 29 dicembre al 4 gennaio in Piemonte ci sono state 475 richieste di prescrizioni, dato inferiore solo al Lazio che ha avuto 561 richieste. In totale, dall’inizio del monitoraggio ad oggi il Piemonte ha inviato 2.130 richieste di prescrizioni.

Per quanto riguarda gli antivirali, venerdì scorso è iniziato l’utilizzo delle 739 confezioni di pillole contro il Covid che possono essere somministrata a domicilio: il farmaco Molnupiravir della Merck, usato per la cura di chi viene colpito dal virus e si ammala. La pillola sarà prescritta ai soggetti maggiorenni ritenuti maggiormente a rischio di sviluppare una forma grave e dovrà essere somministrata nei primi giorni dalla diagnosi, pena la perdita della propria efficacia.

“È un’opportunità importante, perché consente di affrontare il virus in modo attivo, senza aspettare l’aggravarsi del quadro clinico del paziente. In questo caso, si tratta di una cura da praticare in ambulatorio specializzato o in ospedale, ma l’aspetto fondamentale rimane la corretta e tempestiva interazione tra il sistema di medicina territoriale e gli ospedali. Una strategia che in Piemonte sta dando risultati molto incoraggianti ed in cui abbiamo creduto fin dall’inizio” è quanto affermato dal governatore Cirio e dall’assessore alla Sanità Icardi.