Quantcast

A Peveragno gli Alpini rinviano la festa, ma proseguono il tesseramento

Intanto l'Associazione Nazionale non rinuncia al progetto di «Adunata» ad inizio maggio a Rimini, dopo due anni di rinvii. A tale riguardo nella sede è stata collocata, appesa alla parete, una versione in legno dello stemma del Gruppo, opera dell’artista locale Franco Debernardi

Peveragno. Nella sede di Montefallonio (ex scuole) prosegue il tesseramento annuale del «Gruppo A. N. A. (Associazione Nazionale Alpini) di Peveragno il mercoledì sera alle 21 e la domenica con orario 10-12 e 14-17, fino a mercoledì 9 febbraio. Il costo del «bollino» è di 20 euro, come nel 2021 (in un anno che si spera, con qualche sicurezza, di ripresa della attività molto limitata dalla «Pandemia Covid» nell’ultima ventina di mesi).

In tale occasione si procede, contestualmente, alle votazioni del nuovo Consiglio Direttivo del Gruppo per il triennio 2022-2024 (riservate ai «soci-alpini»). I candidati sono Bartolo Barale, Valerio Cavallo, Stefano Dalmasso, Luciano Dho, Fabrizio Garelli, Maurilio Ferrua (capogruppo uscente), Antonio Giraudo, Fabio Grosso, Gabriele e Mauro Macagno, Sergio Marchisio e Denis Vit.

La festa annuale prevista per domenica 13 febbraio in frazione San Giovenale (con ritrovo mattutino, Messa, pranzo nello «SMAC» di Peveragno) è stata rinviata, a data da destinarsi, vista la «fase pandemica» ancora difficile.

Intanto nella mattinata di domenica 9 gennaio le «Penne Nere» locali hanno partecipato alla commemorazione dell’eccidio della Paschetta. Si tratta di un momento sempre molto sentito dalla Comunità peveragnese, vissuto nel pieno rispetto delle norme sanitarie, organizzato dall’Amministrazione Comunale (corteo, «Cerimonia del ricordo», Messa nella chiesa parrocchiale di Santa Maria, «Da Val»).

Infine l’Associazione Nazionale non rinuncia al progetto di «Adunata» ad inizio maggio a Rimini, dopo due anni di rinvii. A tale riguardo nella sede è stata collocata, appesa alla parete, una versione in legno dello stemma del Gruppo, opera dell’artista locale Franco Debernardi.