Quantcast

Costigliole Saluzzo, aria di novità al circolo Acli

Ambulatorio medico, nuova sede Caf e tanti progetti futuri pensati anche per i giovani

Costigliole Saluzzo. Presso il circolo Acli di via Villafalletto (angolo con piazza Generale Dalla Chiesa), tante sono le novità di questo 2022.

Con il nuovo Consiglio direttivo, presieduto dal 43enne Ivo Cismondo, sta andando definendosi un progetto di sistemazione dei locali finalizzati ad offrire più spazi e maggiori attrattive a tutta la popolazione, senza vincoli di età.

I primi importanti servizi messi in cantiere sono l’ambulatorio medico (attualmente utilizzato dal dottor Rovetto, che è subentrato al dottor Giardina) e un servizio patronato caf. Il primo è stato pensato, di concerto con gli amministratori comunali, con un doppio accesso, sala d’attesa e rampa per le carrozzine, così da venire incontro a tutte le esigenze di mobilità e prevenzione richieste. Il patronato è attivo tutti i lunedì pomeriggio grazie all’impegno di Claudia Dalbesio, che si è spostata dai locali municipali utilizzati durante la bella stagione.

Ivo Cismondo, che lavora come manager del gruppo Brugola di Lissone è affiancato dal padre Romano, 83 anni, pensionato (e storica figura di riferimento del circolo), dalla segretaria Costanza Prato e dalle consigliere Elsa Giraudo e Rita Boschero.

In collaborazione con il Comune, proprietario dell’immobile, sono stati eseguiti (e continueranno nei prossimi mesi) lavori di restauro. L’obiettivo è rendere meglio fruibili alcune sale e aumentare gli spazi per la stagione estiva.

Spiega il neo presidente: “Abbiamo allestito un’area proiezioni, utili a chi voglia usare i locali per piccoli eventi o conferenze, ma anche feste di compleanno. Vorremmo introdurre bigliardo, calcio balilla e tavolo da ping-pong, pensati in particolare per i giovani. E, quando la situazione sanitaria lo permetterà anche organizzare delle gite. Ma l’intenzione principale resta quella di far partecipare il più possibile l’intera popolazione al nuovo corso del circolo Acli”.

Da parte dell’Amministrazione comunale il più sincero “in bocca al lupo”, unito alla gratitudine per l’impegno profuso, per questa avventura, finalizza a migliorare l’accessibilità e la funzionalità di uno dei degli edifici di proprietà municipale, che può diventare sempre più “di tutti”.