Quantcast

Boves, Paoletti cala il poker di donne

Svolta tutta al femminile che porta a quattro il numero di donne nel gruppo di maggioranza. In consiglio comunale entra Irma Goletto, in giunta Raffaella Giordano sostituisce Enrica Di Ielsi (mantengono però le attuali deleghe) che diventa presidente della Scuola di Pace. Il sindaco, che intanto sogna il gemellaggio con Domenikon (Tessaglia), convoca il consiglio comunale e spiega: "accordi presi a inizio mandato per far esprimere tutti al meglio"

Sono ore febbrili a Boves dove nella giornata di martedì 4 gennaio Enrica Di Ielsi ha rassegnato le sue dimissioni da assessore mantenendo tuttavia le medesime deleghe sino ad oggi detenute. A completare la giunta con Maurizio Paoletti (sindaco), Matteo Ravera, Nadia Tecco e Fabio Climàci sarà Raffaella Giordano che manterrà anch’essa le deleghe avute sino ad oggi, ma lo farà da assessore esterno visto che si è dimessa da consigliera. Atto in conseguenza del quale in consiglio comunale approda Irma Goletto che nella mattinata di ieri (mercoledì 5 gennaio) ha rassegnato le sue dimissioni dal Consiglio di Amministrazione della Scuola Materna. Per Enrica Di Ielsi, invece, si spalancano anche le porte della presidenza della Scuola di Pace dove ritrova la coordinatrice Alessandra Liberio con cui nella scorsa estate si era recata in Puglia nell’ambito dell’iniziativa benefica “Tagliamo per bene”.

“Si tratta di un accordo che avevamo preso ad inizio mandato per dare possibilità a tutta la squadra di fare esperienze e mettere a disposizione le proprie capacità – spiega il sindaco Paoletti. – E’ una operazione tutta al femminile che porta così a 4 le donne in maggioranza. Sono molto contento dell’ingresso di Irma perché ha già dimostrato in altri ruoli capacità e grande voglia di fare. Le deleghe di Enrica e Raffaella non cambiano ma ho chiesto ad Enrica di portare avanti insieme alla coordinatrice della Scuola di Pace i gemellaggi nelle scuole e tra i giovani. Poi ho un sogno nel cassetto: avviare il percorso per un gemellaggio con Domenikon in Tessaglia. Enrica è persona determinata ed è stata lei ad occuparsi nel 2018 del rientro della salma di Antonio Vassallo a Boves. Sono certo che porterà a casa anche questo risultato. Vorrei anche esprimere viva gratitudine a tutta la squadra che sale a 11 presenze in consiglio per il lavoro svolto fin qui: restano ancora due anni e mezzo a fine mandato e tante cose da fare, nuove energie sono importanti.”

Il primo cittadino bovesano ha dunque convocato il consiglio comunale alle 21 di lunedì 10 gennaio per i passaggi formali necessari a ufficializzare e rendere effettivo il tutto.